Tokyo 2020, impossibile un altro rinvio

Gli organizzatori di Tokyo 2020 ammettono di non avere un “piano B” per un altro rinvio delle Olimpiadi, posticipate di un anno a causa dell’emergenza coronavirus. Il Cio e funzionari giapponesi hanno spostato l’inizio della rassegna a cinque cerchi al 23 luglio 2021, ma la gravità dell’epidemia ha nuovamente sollevato dubbi sul fatto che i Giochi possano essere disputati effettivamente tra 15 mesi. Lo ha annunciato in una videoconferenza, Masa Takaya, portavoce di Tokyo 2020:

Stiamo lavorando per il nuovo obiettivo. Non abbiamo un piano B. Tutto quello che posso dire è che la date dei Giochi Olimpici e Paralimpici sono state appena fissate. Tokyo 2020 e tutte le parti interessate stanno facendo del loro meglio per preparare le Olimpiadi il prossimo anno.

Embed from Getty Images

Tokyo 2020, il punto di vista dell’Italia

Per quanto riguarda l’Italia a Tokyo 2020 ci saranno tutti. Il presidente del Coni Giovanni Malagò, lo ha spiegato in un’intervista a Dazn. Ha risposto così a una domanda su come abbiano reagito gli atleti al rinvio di un anno delle Olimpiadi:

Sono state diverse le reazioni: dalla Pellegrini che diceva “No, non ce la faccio. Mollo, non riesco”, passando per chi diceva “l’ideale sarebbe farle in primavera, quando non c’è umidità, non c’è caldo”, fino a chi ha detto “beh, a questo punto rispettiamo il programma anno per anno”. Ho sentito un po’ di tutto.

Malagò ha poi aggiunto:

Noi sappiamo di avere già 208 atleti qualificati. Ci sono tre o quattro atleti che, indubbiamente, per età, per acciacchi fisici, per una serie di problemi, anche di vita famigliare, faranno probabilmente uno sforzo supplementare. Ma io credo che alla fine a Tokyo 2020 ci saremo tutti, e saremo a bordo. Anche chi magari è più avanti con gli anni, quelli che pensavano che tra pochi mesi avrebbero concluso la loro meravigliosa carriera. Sarà per loro uno stimolo ulteriore per fare bene a Tokyo 2021.

Serie B, Ventura: “Ripartiamo solo con ok dei medici”

Del Piero: “Calcio in crisi, ma Italia fantastica”