Coronavirus, Trump: “Lo sport in Usa deve ripartire”

Per Donald Trump “lo sport deve ricominciare, sono stufo di vedere in tv partite di baseball vecchie di 14 anni“. Il presidente degli USA lo ha detto a chiare lettere giorni fa, e lo ribadisce ora nel giorno in cui nel corso di una conferenza stampa ha lasciato intendere, senza mezzi termini, le sue intenzioni: far ripartire lo sport negli Stati Uniti per aiutare l’economia americana a rilanciarsi, anche durante la pandemia di coronavirus.

Il presidente americano vuole che lo sport riparta al più presto e così, dopo la prima conference call di ormai 10 giorni fa, il “tycoon” è pronto a organizzarne un’altra per consultarsi con i commissioner delle principali leghe sportive statunitensi, così da definire un piano di ripresa.

Trump ha istituito una commissione, composta da oltre 100 persone, per far ripartire l’America. Il gruppo è composto, tra gli altri, dai principali ‘commissioner’ degli sport più popolari negli States, dal basket al football, passando per hockey, golf, Auto.

Embed from Getty Images

Trump vuole far ripartire gli sport

Ci sono Adam Silver (NBA), Rob Manfred (MLB), Gary Bettman (NHL), Roger Goodell (NLF), Dana White (UFC), Jay Monahan (PGA Tour) e Michael Whan (LGPA, la lega femminile di golf), Vince McMahon (WWE), Patrick Galbraith (USTA), Don Garber (MLS) e Lesa Kennedy (NASCAR), Robert Kraft (il proprietario dei New England Patriots), Jerry Jones (Dallas Cowboys) e Mark Cuban (Dallas Mavs).

A questi commissioner si affiancheranno anche i vertici di altri settori, tra cui quello agricolo e bancario, per rilanciare gli Stati Uniti. “Abbiamo il team migliore in ogni settore, dall’ambito medico a quello politico“, le dichiarazioni di Trump.

Già questa settimana le leghe sportive statunitensi potrebbero annunciare l’intenzione di riprendere, non appena possibile, le loro attività. Uno dei primi sport a voler ripartire sembra essere il golf. A tal proposito il PGA Tour, il massimo circuito maschile di golf statunitense, sembra orientato a riprendere il suo cammino da metà giugno.

Rustu è guarito: “Il Barcellona mi è stato vicino”

Premier League, 344 milioni per il Newcastle