UFC: Dana White

UFC 249, White: “Non mi frega di quello che pensate”

Dana White adesso sbotta. Il presidente UFC, che dopo aver annullato UFC Londra e i due eventi successivi a causa della pandemia da coronavirus non si era comunque scomposto più di tanto, dà contro i giornalisti che lo hanno tartassato di domande e critiche a seguito della volontà di mettere comunque in piedi la card di UFC 249. Khabib Nurmagomedov vs Tony Ferguson, a detta del massimo dirigente della promotion più importante al mondo, si farà a prescindere da tutto. A porte chiuse, certo, non a Brooklyn, focolaio tra i più ampi d’America e location inizialmente designata per l’evento più importante del primo semestre del 2020 sul fronte MMA.

Ma, come detto, si farà, e guai a dire a Dana White cosa fare: imperterrito, infatti, il presidente UFC nel portare avanti il suo piano per mettere in piedi un PPV che, in un tempo in cui tutto il mondo – o quasi – è costretto in casa propria farebbe numeri talmente alti da entrare nei libri di storia. O almeno, questo è quello che si augurano sia il dirigente che ESPN, che detiene i diritti per la trasmissione degli eventi dell’Ultimate Fighting Championship su suolo statunitense. Insomma, una win-win situation per tutti, qualora non sovvenissero problemi tipo la posività di uno o più fighter coinvolti nell’evento.

Proprio per questo, Dana White non le ha certo mandate a dire: nel corso di un’intervista video a Barstool Sports, il presidentissimo UFC ha letteralmente perso le staffe, rispondendo a tutte le critiche piovutegli addosso nei giorni scorsi.

http://gty.im/1045713928

UFC, cosa aspettarsi da Khabib vs Ferguson

Da capire, dunque, come si comporrà la card di UFC 249, considerato come Dana White abbia già confermato come l’evento verrà totalmente rivoluzionato dall’ingresso di incontri presenti in linea teorica nei tre eventi annullati. Da capire quali saranno scelti per far parte di Khabib vs Ferguson, anche se è molto probabile che Jairzinho vs Ngannou possa diventare il nuovo co-main event.

Pallone Calcio

L’Europa si taglia gli stipendi: l’esempio del Bayern, caos Barcellona

Manuel Neuer

Neuer: rinnovo complicato col Bayern Monaco. Guardiola alla finestra