Bundesliga, 3 contagiati nel Colonia

Mentre il calcio tedesco aspetta ancora l’ok definitivo della Cancelliera Angela Merkel alla ripresa del campionato, ecco che arrivano i primi tre casi di positività. Riguardano il Colonia e a rivelarli ci hanno pensato i tamponi che i club della Bundesliga hanno avviato da ieri, in vista della possibile ripresa del campionato.

Ad annunciarlo è lo stesso club, sul suo sito, aggiungendo che in ottemperanza alle linee guida sanitarie in vigore in Germania ha messo i tre in quarantena e gli allenamenti proseguono.

Il Colonia, per rispetto della privacy, non rivela i nomi dei positivi né specifica se si tratti di giocatori o membri dello staff. I positivi sono comunque asintomatici. Gli allenamenti, spiega il Colonia sul suo sito, proseguono ” secondo le misure di controllo dell’igiene e delle infezioni messe in atto dal 6 aprile nella formazione di gruppo. Il prerequisito per questo è il test ulteriore effettuato sul gruppo di persone, come indicato nel protocollo medico definita dalla Lega calcio” tedesca.

Embed from Getty Images

Bundesliga, primi 3 contagiati del Colonia

La procedura, sottolinea il club, è stata discussa ancora oggi col il presidente della task force federale, il professore Tim Meyer, direttore medico dell’Institute for Sports and Preventive Medicine dell’Università del Saarland University e con la professoressa Barbara Gärtner, specialista in microbiologia ed epidemiologia delle infezioni. Così le parole del professor Meyer:

I rischi, con questo protocollo, sono ridotti rispetto alla fase iniziale. Siamo in contatto costante con le autorità sanitarie. Siamo convinti di poter consentire ai giocatori di svolgere la loro attività con la miglior protezione possibile.

A queste parole si sono aggiunte quelle dell’amministratore delegato del Colonia, Horst Heldt, che non ha dubbi sulla validità delle misure prese dal club:

Il nostro protocollo si dimostra valido per reagire con soluzioni individuali: la salute dei giocatori è al primo posto.

Spadafora: “Voglio la riforma dello sport”

Serie A, ok delle regioni ad allenamenti