Haaland, 41 gol in una stagione a 19 anni: meglio di lui soltanto Pelé

La rete con cui Erling Haaland ha aperto la 26esima giornata di Bundesliga contro lo Shalke 04, ha permesso al giovanissimo attaccante norvegese di raggiungere un traguardo considerevole, che non può che dare ragione ai tanti – sono ogni giorno di più – che parlano di lui come del futuro dominatore del calcio a livello mondiale.

Potente e letale, rapido e con un fiuto del gol degno di colleghi ben più esperti, pur con buona parte della stagione ancora da giocare Erling Haaland ha già raggiunto il traguardo dei 40 gol stagionali, un traguardo certo non alla portata di tutti e un dato ancora più impressionante se pensiamo al fatto che in questa stagione l’attaccante norvegese si è diviso tra due squadre e realtà diverse.

Dopo aver cominciato la stagione con il Salisburgo, infatti, Haaland si è trasferito a dicembre al Borussia Dortmund, che sfruttando una clausola presente nel contratto con il club austriaco – bravo a sua volta a pescarlo nel gennaio del 2019 in patria, nel Molde – ha speso appena 20 milioni di euro per aggiudicarsi quello che per tanti è già adesso uno degli attaccanti più forti in circolazione pur dovendo compiere ancora 20 anni.

Haaland il baby-cecchino: 41 gol in una stagione a soli 19 anni, meglio di CR7 e Messi

Nato il 21 luglio del 2000, Haaland ha esordito in Bundesliga il 18 gennaio 2020: entrato a gara in corso, in poco più di mezz’ora ha rifilato una tripletta al malcapitato Augusta, ripetendosi una settimana più tardi con la doppietta (in 25 minuti!) al Colonia. A conferma che non si trattava di un exploit, o di un semplice momento di grazia, ecco ancora le reti contro Union Berlin, Eintracht Francoforte, PSG – doppietta in Champions League – e Werder Brema.

Con i gol segnati con il Salisburgo tra Bundesliga austriaca, Champions e Coppa d’Austria fanno 40 reti messe a segno in 30 partite, 1,3 a gara. Concentrato di forza e velocità, feroce e implacabile, Haaland sembra destinato a un’ascesa inarrestabile e ha raggiunto un traguardo che nessuno tra i più grandi calciatori della storia ha mai raggiunto ad appena 19 anni. Soltanto il tempo potrà confermare la sensazione diffusa che sarà lui l’erede di Lionel Messi e Cristiano Ronaldo, ma per precocità ha già superato i due più forti calciatori di quest’epoca.

Messi ha infatti superato il traguardo dei 40 gol stagionali nella stagione 2009/2010, quando con la maglia del Barcellona ne mise a segno 47 in 53 gare, mentre CR7, dopo gli esordi quasi da ala pura, si scoprì bomber nel 2007/2008, 42 reti in 49 gare giocate con il Manchester United. L’argentino e il portoghese, che già erano comunque considerati due fenomeni, avevano tra i 22 e i 23 anni quando superarono quota 40 gol a stagione.

Embed from Getty Images

Aveva tra i 22 e i 23 anni anche Marco van Basten, 43 reti in altrettante partite nell’ultima stagione disputata con l’Ajax prima di trasferirsi al Milan, mentre uno dei più forti finalizzatori in circolazione, Robert Lewandowski, ha dovuto aspettare addirittura il 27esimo compleanno per superare quota 40, mettendo a referto 42 gol nella stagione 2015/2016, la seconda passata al Bayern Monaco. Attesa ancora più lunga per Zlatan Ibrahimovic, 41 reti con la maglia del PSG a 32 anni compiuti.

Anche andando indietro nel tempo, messo a paragone con alcuni tra i più grandi campioni di ogni epoca, Haaland spicca sotto il punto di vista della precocità: fenomeni come Eusebio e Gerd Muller, considerati all’unanimità tra i più forti bomber di sempre, sfondarono quota 40 tra i 21 e i 22 anni di età, mentre Alfredo Di Stefano e Romario raggiunsero furono capaci di raggiungere lo stesso traguardo soltanto passati i trent’anni, rispettivamente a 31 la Saeta Rubia e a 33 O Baixinho.

Non insidiano Haaland in questa classifica né il grande bomber inglese Dixie Dean – 47 gol a 25 anni con la maglia dell’Everton – né l’implacabile asso magiaro Ferenc Deak, 594 reti in carriera e 66 in appena 34 gare nella stagione 1945/1946 con la maglia dello Szentlőrinc a 24 anni. Ferenc Puskas e il Fenomeno brasiliano Ronaldo si avvicinano di più, rispettivamente con 50 e 47 reti messe a segno tra i 20 e i 21 anni di età, senza tuttavia raggiungerlo.

Embed from Getty Images

Uno dei più grandi centravanti della storia, spesso ingiustamente dimenticato, il portoghese Fernando Peyroteo segnò con lo Sporting Lisbona 57 reti in sole 30 presenze ad appena 19 anni, nella sua prima stagione da professionista. Si tratta dell’unico capace di eguagliare Haaland, mentre chi ha fatto meglio è stato O Rei Pelé, per molti il migliore di sempre, 41 gol con il Santos ad appena 16 anni in un’epoca in cui peraltro nel campionato brasiliano giocavano veri e propri fenomeni. Diego Maradona di anni ne aveva invece 20 quando nel 1980 segnò 43 reti in 45 gare con l’Argentinos Juniors.

Insomma, andando a ritroso nella storia del calcio soltanto il grande Pelé ha raggiunto il traguardo di 40 gol stagionali prima di Erling Haaland, che nel Borussia Dortmund sta confermando di essere già tra i più forti in circolazione ma che per consacrarsi definitivamente dovrà ripetersi stagione dopo stagione, come hanno fatto i suoi illustri predecessori. Non può comunque essere un caso che in questa speciale classifica, O Rei a parte, nessuno lo superi. Il mondo del calcio presto potrebbe essere davvero ai piedi di questo attaccante che sembra venuto dal futuro, e che con il francese Mbappé sembra pronto a prendere il posto dei più grandi.

Embed from Getty Images

Gli attaccanti più giovani a raggiungere quota 40 gol a stagione:

  1. Pelé (Santos) 41 gol, 16 anni
  2. Erling Haaland (Salisburgo/Borussia Dortmund) 41 gol, 19 anni
  3. Fernando Peyroteo (Sporting Lisbona) 57 gol, 19 anni
  4. Diego Armando Maradona (Argentinos Juniors) 43 gol, 20 anni
  5. Ronaldo (Barcellona) 47 gol, 20 anni
  6. Ferenc Puskas (Honved) 50 gol, 20 anni
  7. Gerd Muller (Bayern Monaco) 43 gol, 21 anni
  8. Eusebio (Benfica) 46 gol, 21 anni
  9. Lionel Messi (Barcellona) 47 gol, 22 anni
  10. Cristiano Ronaldo (Manchester United) 42 gol, 22 anni
  11. Marco van Basten (Ajax) 43 gol, 22 anni
  12. Ferenc Deak (Szentlőrinc) 66 gol, 23 anni
  13. William “Dixie” Dean (Everton) 47 gol, 24 anni
  14. Robert Lewandowski (Bayern Monaco) 42 gol, 27 anni
  15. Alfredo Di Stefano (Real Madrid) 43 gol, 31 anni
  16. Zlatan Ibrahimovic (PSG) 41 gol, 32 anni
  17. Romario (Flamengo) 46 gol, 33 anni

Diego Costa condannato a 6 mesi di carcere

Estrazione del Lotto di giovedì 4 giugno 2020: i numeri vincenti