Abramovich Chelsea

Roman Abramovich riarma il Chelsea

Dopo un periodo di esitazioni, sanzioni e persino la possibilità di un cambio di proprietà, il Chelsea di Roman Abramovich sembra aver ritrovato lo slancio che ha caratterizzato uno dei progetti più ambiziosi del calcio europeo degli ultimi due decenni. Il magnate, che si è sentito perseguitato dal governo britannico quando ha lanciato una campagna contro gli oligarchi russi, ha rimesso il suo libretto degli assegni a disposizione del blues e sembra prepararsi per un’altra estate piena di stelle. Ora, manca solo la conferma del posto in. Champions League per la prossima stagione.

Embed from Getty Images

Il primo a sottoscrivere l’appello di Stamford Bridge è stato Hakim Ziyech, uno degli architetti del grande Ajax che ha schiacciato la scorsa stagione il Real Madrid. A lui, il cui arrivo è costato ai londinesi circa 40 milioni di euro, si aggiungerà anche Timo Werner per una cifra che oscilla intorno alla sua clausola di cancellazione, 55 milioni di euro.

Il ventiquattrenne tedesco, che da diverse stagioni gioca per i più grandi club d’Europa, ha segnato 25 gol e otto assist finora in Bundesliga, numeri che senza dubbio miglioreranno i risultati di un Giroud in calo. Ciò non significa, tuttavia, che Lampard non investirà nel sistema giovanile, ma che sia Ziyech che Werner andranno ad affiancarsi a Mount e Abraham che hanno già il loro posto assicurato.

Il Chelsea punta anche sul terzino sinistro della Premier League Ben Chilwell, anche se il Leicester ha deciso di dichiararlo non trasferibile. Abbattere quella resistenza potrebbe costare ai blues tra i 60 e i 70 milioni di euro. Nel frattempo, la stampa britannica continua a proporre possibili nomi per un club che fino a poco tempo fa era sotto sanzione, e nomi come Coutinho, Bernardeschi e persino Sancho vengono costantemente presi in considerazione, anche se quest’ultimo richiederebbe un esborso molto maggiore.

Estrazioni Lotto

Estrazioni del Lotto di martedì 9 giugno 2020: i numeri vincenti

Rivera

Milan, Rivera si candida: “Sono pronto se ci fosse bisogno”