PSG, altro dispetto al Barcellona: preso Xavi Simons dalla Masia

Tutto viene fatto risalire alla primavera-estate del 2017. Il calciomercato estivo non era ancora entrato nel vivo, ma pare che emissari del Barcellona stazionassero a Parigi con l’obiettivo di convincere alcuni dei migliori giocatori del PSG a fare pressioni sul proprio club affinché accettasse di lasciarli partire. E pure alle migliori condizioni.

I nomi? Secondo As, tutti i più forti, manco a dirlo: da Marquinhos a Thiago Silva, da Di Maria a Verratti, con il centrocampista italiano che fu davvero vicino al salto in blaugrana. Magari poi la cosa sarà anche stata un po’ romanzata,ma qualcosa di vero deve pure esserci stato, vista la reazione decisa, anzi la vera e propria rappresaglia, che mise in atto il presidente del club parigino Al-Khelaifi.

Poche settimane dopo, infatti, diede il via alla più clamorosa operazione di calciomercato che si sia mai vista, presentandosi nella sede del Barcellona per pagare la clausola rescissoria di Neymar: 222 milioni di euro, così sull’unghia, come se fosse la cosa più normale del mondo.

Barcellona, venti di guerra dal PSG: soffiato Xavi Simons

Un’operazione di rafforzamente, certo, almeno nelle intenzioni, ma anche un avviso ai naviganti: attenzione, se vi mettete di traverso siate pronti a pagarne le conseguenze. Bartomeu fu costretto a mandarla giù masticando amaro, s’intende, e ora che il brasiliano lancia segnali di nostalgia vorrebbe timidamente provare a rifarsi con gli interessi, ma le finanze blaugrana non sembrano permettere voli pindarici e poi, si sa, Al-Khelaifi è osso durissimo.

E chissà che anche l’ultima mossa di mercato del PSG non si inserisca nella stessa ottica di mandare segnali al “nemico”. Il club parigino, infatti, ha appena messo sotto contratto uno dei più promettenti ragazzi della Masia, la cantera del Barça, Xavi Simons, rispondendo così per le rime all’acquisto del Barcellona di Louie Barry, stella nascente del calcio inglese, che ha firmato per i catalani dopo aver sostenuto le. visite mediche con i parigini.

Sedici anni appena compiuti, figlio d’arte – papà Regilio, ex attaccante olandese originario del Suriname, ora allena nelle giovanili dell’Ajax – Xavi, il nome dice già tutto, è uno dei centrocampista più forti della sua categoria, tanto che il club catalano gli aveva offerto un contratto insolitamente alto per la sua età.

Forse anche temendo le manovre del suo procuratore – è nella scuderia di Mino Raiola dall’età di 14 anni – gli aveva infatti proposto uno stipendio annuo di circa 200mila euro il primo anno e a salire il successivo, con buone possibilità di debuttare presto nella squadra B. Ma evidentemente il PSG non ha di nuovo badato a spese, visto che il ragazzo, dopo 9 anni alla Masia, ha ufficializzato il trasferimento al PSG con un messaggio d’addio sui social a staff e compagni. Un altro avvertimento da Parigi?

Estrazione del lotto

Estrazioni del Lotto di sabato 20 luglio 2019: i numeri vincenti

Real Madrid, che tegola: Asensio si è rotto il legamento crociato