Psg, accordo con Inter per Icardi?

Mauro Icardi alla fine resterà al Paris Saint Germain, che otterrà dall’Inter un piccolo sconto rispetto a quanto pattuito inizialmente. Questo almeno è lo scenario che, secondo la “Espn”, è sempre più vicino a concretizzarsi.

La scorsa estate il 27enne attaccante argentino approdava a Parigi in prestito con diritto di riscatto fissato a 70 milioni di euro. Una cifra che per i francesi – alla luce dell’impatto economico dell’emergenza sanitaria – andrebbe ridiscussa.

Le due società stanno trattando, così come Wanda Nara, moglie e agente di Icardi, e i parigini. E negli ultimi giorni si sarebbero registrati progressi importanti: alla fine l’Inter avrebbe accettato di abbassare la cifra concordata quasi un anno fa. Il nuovo accordo dovrebbe aggirarsi sui circa 55 milioni di euro, cui aggiungerne altri 5 di bonus.

Embed from Getty Images

Inter e Psg, accordo per Icardi

Sarebbe in dirittura d’arrivo anche l’accordo fra il calciatore e il club francese: per Icardi, che ha realizzato 21 gol nella sua prima stagione al Psg, pronto un quadriennale da 10 milioni di euro all’anno, lo stesso ingaggio che sarà garantito a Cavani fino al 30 giugno ma non oltre. Il riscatto di Icardi, infatti, porterà quasi sicuramente all’addio del Matador, a cui non verrà offerto alcun rinnovo. Atletico Madrid e Inter le piste più calde per l’ex attaccante di Palermo e Napoli.

Intanto prosegue il lavoro dell’Inter in vista della ripresa del campionato ipotizzata per il 20 giugno (i recuperi sarebbero il 12). In attesa di una decisione ufficiale, nel caso fossero confermate queste date l’Inter di Conte dovrebbe essere la prima a scendere in campo nel recupero contro la Sampdoria. Il tecnico nerazzurro lavora intensamente per ripartire nel migliore dei modi. L’obiettivo in questa fase sarebbe solo quello di fare più punti possibili. La squadra al completo si è allenata questa mattina al centro sportivo Suning: tutti insieme, rispettando protocollo e distanze di sicurezza.

Premier League, in settimana si decide

AZ contro l’Eredivisie: ricorso alla Uefa