Psg, la FIFA fissa il prezzo di Neymar

Barcellona, Real Madrid, Psg e molte altre ancora. Sono davvero molteplici le possibilità per il prossimo futuro di Neymar. Lo racconta l’agente Wagner Ribeiro in un’intervista a “Canal do Nicola” su ESPN. Ribeiro è colui che si prese cura della carriera sportiva di Neymar nei suoi primi anni e che alla fine portò il brasiliano al Barcellona:

Ho ricevuto proposte da tutto il mondo quando era al Santos. Un’offerta ufficiale dal Chelsea quando ero a New York, il giorno in cui Neymar ha debuttato con il Brasile nel 2010. Hanno fatto un’offerta, l’abbiamo studiata, ma alla fine non se ne fece nulla. In quell’occasione, come in altre, abbiamo fatto scegliere allo stesso Neymar. Poi sono arrivate altre proposte dal Bayern Monaco e dalla Juventus, con cui ho avuto un incontro a Torino. Anche il Real Madrid mi ha chiamato diverse volte, perché Florentino ha sempre sognato di acquistarlo. L’anno scorso sono stato con lui a maggio, nel suo ufficio, e mi ha persino detto che sogna ancora di prendere Neymar.

Embed from Getty Images

Neymar, la FIFA fissa il prezzo

Adesso è il Barcellona che insiste per riprendere l’attaccante brasiliano. E Ribeiro spiega che oggi sia molto più semplice rispetto alla scorsa estate:

Poiché Neymar non aveva un prezzo determinato, il Psg poteva chiedere anche 500 milioni di euro. D’altronde non c’era una clausola e lui aveva ancora un lungo contratto. Ma per questa stagione ha già un prezzo fisso fissato dalla FIFA, un valore percentuale dei 222 milioni che sono stati pagati al Barcellona. Ora Neymar costa 164 milioni.

Non proprio in saldo, insomma, ma decisamente meno di quanto richiesto dal Psg nell’ultima sessione. L’agente brasiliano però sottolinea che a causa della pandemia del coronavirus “quest’anno vedremo pochissime operazioni di oltre 50 milioni di euro”.

Ribeiro ha poi parlato del valore assoluto del suo ex assistito:

È molto meglio di Messi e Cristiano Ronaldo. Non ho mai visto Neymar giocare male. Lo aveva già dimostrato a Santos, è sempre sul pezzo, prende colpi, ma segna e fa assist. Lo abbiamo visto anche a Barcellona e al Psg. In Catalogna ha i migliori amici, ma è contento anche a Parigi. Un giocatore deve essere un professionista. È importante essere circondati da una buona atmosfera, poiché per lui i soldi non sono un problema. L’importante è che voglia essere il migliore al mondo, anche se è ancora giovane.

Calciomercato, Tonali offerto al Barcellona

WWE, la Top 10 delle musiche d’ingresso