Barcellona, che batosta in Champions
Barcellona, che batosta in Champions

Barcellona, Piqué: “Abbiamo toccato il fondo, pronto ad andare via”

Dopo le prime dichiarazioni a caldo, Gerard Piquè insiste a chiedere una rivoluzione nel Barcellona, dopo la storica debacle contro un super Bayern Monaco.

Una partita orribile, una sensazione brutta. È una vergogna, non ho parole. Non si può giocare così in Europa, è una cosa che non riesco a spiegare. È molto duro e spero che succeda qualcosa. Dobbiamo riflettere tutti. Il club ha bisogno di cambiare, non parlo di allenatori o giocatori ma questo club ha bisogno di cambiare a livello strutturale. Nessuno è imprescindibile, se devo andarmene io me ne vado. Abbiamo bisogno di forze nuove, fresche, sarò il primo ad andarmene se serve. Dobbiamo riflettere e capire quello che è meglio per il Barça.

Barcellona, momento di riflessione

È il giorno della più pesante sconfitta in Europa (2-8) nella storia del Barcellona, e il presidente Josep Maria Bartomeu si presenta davanti alle telecamere per chiedere “scusa ai tifosi e a tutti i soci del Barça per quello che è successo”.

È un risultato pesantissimo. Il Bayern ha fatto una grande risultato e noi non siamo stati all’altezza, e mai in partita. Piquè ha ragione, è stato un disastro e ora dobbiamo prendere delle decisioni. Alcune le abbiamo già prese, e le comunicheremo nei prossimi giorni. Ora pensiamo a questa sconfitta, e ragioniamoci sopra. Piqué è pronto ad andarsene? Non comunicheremo nulla adesso, capiteci, adesso dobbiamo soffrire assieme a tutti i tifosi culè. Ora non voglio parlare neppure di Setien.

Embed from Getty Images

Setien sul suo futuro

Così l’allenatore del Barcellona Quique Setien dopo la disfatta (2-8) contro il Bayern a Lisbona.

La verità è che questa è una sconfitta estremamente dolorosa. Abbiamo preso tanti gol, e meritatamente. Loro sono stati terribilmente concreti. Piquè ha detto che dobbiamo vergognarci? Avrà anche ragione, ma non commento, sono qui da nemmeno otto mesi. Siamo tutti molto frustrati, ed è tempo di prendere decisioni sul futuro: ci attende una profonda riflessione interna.

Ma Setien sarà ancora alla guida del Barça?

È troppo presto per pensare se rimango o no. La verità è che non dipende da me, e poi bisogna capire bene l’impatto che avrà questa sconfitta devastante.

Barcellona, aria di rivoluzione

Barcellona, aria di rivoluzione dopo l’8-2. Parte anche Messi?

Inter, la rinascita di Godin

Inter, Godin: “Conosciamo bene lo Shakhtar, siamo pronti”