Atalanta, Gasperini verso il Psg
Atalanta, Gasperini verso il Psg

Gasperini: “Tutti vicini a Ilicic. Scudetto? Proveremo a migliorarci”

Dopo aver concluso il campionato al terzo posto in classifica il tecnico dell’Atalanta Gian Piero Gasperini ha parlato ai microfoni di ‘Radio Anch’Io Sport’ su Radio 1 Rai, proiettandosi sulla sfida di Champions League con i campioni di Francia del Psg:

In questo momento sogno di poter superare il turno e giocare una semifinale però siamo consapevoli della difficoltà con il Psg. Già essere ai quarti per noi è un grande traguardo, lo affrontiamo con la determinazione di esserci arrivati. Poi se andremo avanti penseremo al resto. Loro sono una squadra di grande talento, tra le candidate alla vittoria finale. Molto dipenderà da Mbappè, ma sarà iportante come arriveremo noi. Credo che qualche chance la possiamo avere.

Embed from Getty Images

Gasperini ha continuato la sua analisi sulla Champions League:

Faranno la differenza tante cose, la tecnica, la condizione fisica e mentale, giocare con questa continuità di partite è stato qualcosa di anomalo, può aver tolto energie a tanti giocatori – ha evidenziato – Adesso abbiamo un periodo relativamente sufficiente per poter arrivare al meglio a questa gara. Non si sa se sia stato meglio giocare 13-14 partite o riposare così a lungo. Lo vedremo magari già con la Juve, ma questi sono tutti alibi, poi conterà la partita.

Gasperini e il problema di Ilicic

Il discorso di Gasperini è finito poi su Ilicic, out per gravi problemi familiari:

E’ circondato da tanto affetto, sono quelle situazioni che possono capitare quando meno te lo aspetti, probabilmente a chiunque. Per questo speriamo ne esca e torni a essere il giocatore che era prima. Un rientro per la Champions è difficile, il giocatore è fermo da parecchio tempo. Sarebbe già bello averlo per la prossima stagione. La sua assenza ci ha tolto molto, un po’ per la qualità del giocatore un po’ perché in organico non abbiamo una alternativa simile come ruolo. Però ci siamo adattati bene tra Malinovskyi, Pasalic e l’entrata molto spesso determinante di Muriel. E’ chiaro che quando viene a mancare un giocatore di questo valore qualche difficoltà c’è, ma in questo momento giocando partite secche è più facile sopperire che non durante un campionato intero.

L’Atalanta sogna in grande

Per quanto riguarda il campionato, poi, Gasperini non nasconde di voler puntare allo Scudetto dopo due terzi posti:

Faremo di tutto per migliorarci, è chiaro che il calcio italiano regge e spera molto dal punto di vista economico e anche mediatico che le grandi piazze come Napoli, Milano e Roma, che hanno anche risorse superiori, possano risalire. E’ un po’ tutto il nostro sistema che non consente a lungo di rimanere in alto a società come l’Atalanta, ma la squadra è buona. Se la società saprà migliorarla potremo essere ancora competitivi.

Infine un commento sulla situazione dell’Inter di Conte:

Non lo so, è difficile dare un giudizio da fuori. Posso dire che l’incontro dell’altra sera con Antonio è stato molto cordiale. I suoi complimenti raramente li ho ricevuti da un collega. Spero che la cosa si possa ricomporre, in questo momento l’Inter è l’unica squadra che forse può togliere la Juve dal trono. Credo che abbia fatto un grandissimo lavoro, arrivati a fine campionato siamo un po’ tutti con le energie al limite.

Cagliari, Di Francesco nuovo allenatore

Cagliari, Ufficiale: Eusebio Di Francesco è il nuovo allenatore

Il Genoa di Preziosi ottiene la salvezza

Genoa, Preziosi: “Commessi errori, ma squadra non da retrocessione”