Lizarazu: “Zidane nel 1998 era un mutante”

Bixente Lizarazu, storico giocatore della nazionale francese campione del mondo nel 1998, ha rilasciato un’intervista a L’Equipe in cui ha confrontato la squadra del 1998 e quella del 2018 che ha vinto la Coppa del Mondo in Russia. Per l’ex giocatore del Bayern, la differenza si basa su piccole sfumature individuali:

Nel 1998, eravamo più forti in difesa e anche molto più esperti. E avevamo un mutante come Zinedine Zidane. Direi che il potenziale che avevamo in attacco era più importante, dal mio punto di vista. Anche se odio questo tipo di confronti tra squadre di altre generazioni.

L’esterno sinistro ha poi elogiato la squadra di Didier Deschamps:

La Coppa del Mondo 2018 ha guadagnato l’entusiasmo nella partita contro l’Argentina. È stata la partita più bella da commentare insieme alla finale. Mbappé ha massacrato la difesa argentina. La finale è stata un gioco che ha motivato molto, con molta emozione.

Embed from Getty Images

Lizarazu e il paragone tra la Francia 1998 e 2018

Oggi Bixente Lizarazu fa proprio l’opinionista televisivo, ma è anche diventato un surfista. Poco meno di un anno fa l’ex calciatore ha avuto un brutto incidente che ha provocato un enorme spavento e anche problemi fisici piuttosto importanti.

Lizarazu stava infatti surfando in uno dei suoi punti preferiti sulla costa basca quando è stato letteralmente inghiottito da un’onda: l’impatto ha provocato al francese anche la rottura di un tendine.

L’ex Bayern Monaco ha spiegato di non aver visto niente e di essersi ritrovato all’improvviso sott’acqua con un dolore tremendo alla coscia, poi postata su Facebook:

No, non è un prosciutto di Bayonne, questa era la mia coscia il giorno dell’infortunio. Rottura del tendine muscolare della parte posteriore della coscia… Incidente da surfista per un’onda potente che mi ha piegato in due…. Ricordo solo di essere sott’acqua con un enorme dolore nella parte superiore della coscia, come se fossi stato pugnalato.

36 anni fa: la grande rimonta della Roma contro il Dundee

Premier League, Johnson vuole ripartire