Milan, Zlatan Ibrahimovic
Milan, Zlatan Ibrahimovic

Milan, Ibrahimovic punta l’Atletico Madrid: “Siamo pronti”

Zlatan Ibrahimovic ha parlato in un’intervista a Prime Video del match che attende il Milan domani in Champions League contro l’Atletico Madrid:

Abbiamo fiducia e siamo concentrati. Sappiamo cosa possiamo fare e quanto siamo bravi. Ma ogni partita è a sé. Noi ci proviamo. Ci stiamo preparando come tutte le partite, e cioè nel miglior modo possibile.

Ibrahimovic torna poi sulla sconfitta casalinga contro gli spagnoli a San Siro.

Abbiamo giocato bene contro l’Atletico fino al momento in cui siamo rimasti con un giocatore in meno ed è difficile giocare con uno in meno, soprattutto in Champions dove ti trovi a giocare contro le squadre più forti in Europa.

E sul tecnico dei ‘colchoneros’, Diego Simeone:

È un grande allenatore e ha fatto grandi cose con l’Atletico Madrid. Ha una grande mentalità e un atteggiamento vincente. È come me. E questo mi stimola. Io e lui ci siamo visti una volta a Formentera. Ci siamo salutati, abbiamo parlato un po’, ma non c’è mai stata la possibilità di andare a giocare là.

Embed from Getty Images

Milan, Ibrahimovic punta l’Atletico Madrid: “Siamo pronti”

Zlatan si sofferma anche sul suo ruolo nello spogliatoio rossonero:

Parlo tanto in spogliatoio, sento di avere responsabilità. Non è programmato quello che dico. Non è che arriva qualcuno a dirti che sei un leader. Lo sei automaticamente. Quando ti senti di parlare ai compagni per dare loro aiuto e coraggio. Quello che dico io ai compagni in spogliatoio, non è programmato. Prepararsi è impossibile. Ho un problema. Non sono mai soddisfatto e voglio sempre andare oltre. È la mia mentalità. Devo fare sempre di più per sentirmi vivo e sentire che sono presente. Non voglio essere qui per qualcosa che ho fatto prima. Voglio essere qui per quello che sto facendo ora. Mi piace lavorare, mi piace soffrire. Tutti nella vita hanno sogni, hanno una visione. Ma per raggiungerli bisogna crederci, bisogna avere voglia ed essere pronti a fare sacrifici e soffrire perché il successo non arriva da solo. Dipende tutto da te.

Poi Ibrahimovic ha concluso:

Nessuno credeva in me e in quello che facevo. Ma io non ho mai mollato. Andavo avanti sapendo di essere il migliore di tutti. E questa mentalità mi ha portato avanti. Ho dimostrato che tutto è possibile.

Calciomercato Parma, Buffon è tornato: “Sogno il Mondiale 2022”

Buffon: “Pirlo non ha fallito, Sarri alla Juventus era avvilito”

Barcellona, Xavi: “Contro il Benfica un solo risultato a disposizione”