Superlega Manchester United
Superlega Manchester United

Superlega, il Manchester United chiede scusa ai propri tifosi

Il co-chairman del Manchester United, Joel Glazer, si è “scusato senza riserve” con i tifosi per il ruolo del suo club nel fallito piano di lanciare il progetto della Superlega europea. Ha scritto una lettera aperta ai fan, pubblicata sul sito del club inglese, in cui ha cercato di attenuare il contraccolpo di immagine e le veementi proteste dei sostenitori:

Negli ultimi giorni, abbiamo tutti assistito alla grande passione che il calcio genera e alla profonda lealtà che i nostri tifosi hanno per questo grande club. Avete espresso molto chiaramente la vostra opposizione alla Superlega europea, e noi abbiamo ascoltato. Abbiamo sbagliato e vogliamo dimostrare che possiamo rimettere le cose a posto.

Superlega, il Manchester United chiede scusa ai propri tifosi

Il rappresentante della famiglia statunitense proprietaria del Manchester United ha continuato:

Anche se le ferite sono aperte e capisco che ci vorrà del tempo per rimarginare le cicatrici, mi impegno personalmente a ricostruire la fiducia con i nostri fan e ad imparare dal messaggio che ci avete consegnato con tanta convinzione. Continuiamo a credere che il calcio europeo debba diventare più sostenibile in tutta la piramide a lungo termine. Tuttavia, accettiamo pienamente che la Superlega non fosse il modo giusto per farlo.

Embed from Getty Images

Infine, la lettera di Glazer ai tifosi del Manchester United si conclude così:

Nel tentativo di creare una base più stabile per il gioco, non siamo riusciti a mostrare abbastanza rispetto per le sue tradizioni radicate – promozione, retrocessione, piramide del calcio – e per questo ci dispiace. Questa è la più grande squadra di calcio del mondo e ci scusiamo senza riserve per i disordini causati in questi ultimi giorni. Per noi è importante rimediare.

Superlega, Tebas

Superlega, Tebas: “Iniziativa ridicola, ma è un egoismo noto…”

Milan Ibrahimovic

Milan, Ibrahimovic: ufficiale il rinnovo per un’altra stagione