Ronaldo

Andy Cole e il primo impatto con Ronaldo: “Quasi me la faccio addosso”

Andy Cole, ex attaccante inglese stella del Manchester United, ha un ricordo inciso nella sua mente che lo ha segnato nel corso di tutta la sua lunga carriera calcistica professionale: il giorno in cui ha incontrato Ronaldo, il Fenomeno.

La vecchia gloria dei Red Devils, che insieme a Dwight Yorke formava la celebre coppia dei Calipso Boys, ha raccontato cosa provasse quando ha incontrato la stella brasiliana, in una partita di Champions League tra l’Inter e il Manchester United a San Siro, nel 1999.

Embed from Getty Images

Il riferimento non è al risultato finale dal momento che gli inglesi di Ferguson vinsero con il punteggio 0-2 quello scontro. Cole ricorda Ronaldo nel podcast “Beautiful Game”:

Ricordo quando abbiamo giocato contro l’Inter. Siamo stati nel tunnel per entrare in campo e ho visto Ronaldo. Non mentirò, me la sono quasi fatta addosso. Era un giocatore che seguivo da anni. Stiamo parlando di un attaccante, un vero genio del calcio. In quel momento mi sono reso conto che fosse pazzesco e surreale. Mi trovavo nello stesso campo con tutte queste stelle, realmente di un altro mondo.

Andy Cole e il primo ricordo di Ronaldo

Il ricordo di Cole su Ronaldo è poi proseguito:

Quando parlo di Ronaldo con i miei figli, mi guardano come se avessi tre teste. Se non avesse avuto tutti quegli infortuni, avrebbe vinto il Pallone d’Oro un anno dopo l’altro. Era un vero crack. Certo, possiamo dire che Cristiano Ronaldo oggi sia allo stesso livello di Ronaldo.

Andy Cole, a 48 anni, è ancora sorpreso di aver raggiunto la vetta e loda il meglio con cui ha giocato. Ma può vantarsi di essere il terzo capocannoniere della Premier League, con un totale di 187 gol nella competizione inglese. Ha vestito le maglie di numerosi club in Inghilterra, tra cui l’Arsenal, il Fulham, il Manchester City e, naturalmente, le sue sei stagioni con il Manchester United.

Francesco Totti

I 15 gol più belli di Totti con la Roma e con la Nazionale italiana

Donald Trump

La FIFA risponde a Trump sulla polemica inno: “Serve buon senso”