Luigi Sartor
Luigi Sartor

Arrestato Luigi Sartor: stava coltivando 106 piante di marijuana

Finisce nei guai l’ex difensore di Parma, Inter, Juventus e Roma, Luigi Sartor. L’ex calciatore si trova agli arresti domiciliari. L’accusa? Coltivare 106 piante di marijuana in un casolare abbandonato a Lesignano Palmia, frazione della montagna parmense.

Lo riporta la Gazzetta di Parma, secondo la quale venerdì scorso, intorno all’ora di pranzo, gli agenti delle Fiamme Gialle hanno varcato la soglia del casale cogliendo sul posto Sartor e un’altra persona intenti a curare una serra molto particolare.

Embed from Getty Images

Arrestato Luigi Sartor: stava coltivando 106 piante di marijuana

Questa, secondo le stime, avrebbe potuto fruttare oltre due chili di sostanza stupefacente. A insospettire la Guardia di Finanza, che era da mesi sulle tracce di Sartor, le luci dell’illuminazione interna che servivano per far crescere la coltivazione, ma soprattutto l’odore proveniente da una zona completamente disabitata, per la quale necessitava del raddoppio della potenza del contatore.

Le 105 piante, tutte di altezza compresa tra i 100 e i 200 centimetri sono state prelevate dai finanzieri, insieme alle attrezzature utilizzate per la coltivazione, come convogliatori di aria calda, essiccatori, spine temporizzate, lampade, alternatori di corrente, fertilizzanti, aeratori, ventilatori e termostati. Nel corso dell’interrogatorio di garanzia l’ex calciatore si è avvalso della facoltà di non rispondere. Per questo il giudice Beatrice Purita ha accolto le richieste del pm Lino Vicini disponendo gli arresti domiciliari.

Bayern Monaco, Alaba

Bayern Monaco, Alaba ufficializza l’addio: “È stato difficile”

WWE Network, le novità: da Untold su Bianca Belair a Yokozuna