Cina, ripresa a giugno con pochi stranieri

Fabio Cannavaro e il suo Guanghzou Evergrande potrebbero tornare in campo a giugno. Sicuramente giocando a porte chiuse e magari con un nuovo format (due gironi da 8 e play-off al termine della regular-season). Questo almeno è l’orientamento della Federcalcio della Cina secondo quanto riferito da Chen Xuyuan in un’intervista rilasciata ai microfoni di CCTV.

Il numero 1 federale ha ammesso che è possibile che si riprenda a giocare senza molte delle stelle straniere che hanno i vari club:

C’è questo problema. Secondo le nostre informazioni, un terzo dei giocatori stranieri e alcuni allenatori non sono ancora tornati. Ne terremo conto, ma non aspetteremo che tornino tutti prima di riprendere, sarebbe ingiusto per gli altri club. Non appena saremo pronti in termini di prevenzione e controllo dell’epidemia, inizieremo.

Si giocherà a porte chiuse, poi in base ai numeri si proverà ad aprire gradualmente ai tifosi.

Embed from Getty Images

Cina e Taiwan, passi avanti sul calcio

Lì vicino invece, a un mese dallo stop imposto dalla pandemia di coronavirus da oggi, 8 maggio, a Taiwan il baseball – sport molto popolare – riapre le porte al pubblico, dopo aver continuato a giocare a porte chiuse e con dei manichini, robot e cartonati sugli spalti.

La China Professional Baseball League, d’accordo con Central Epidemic Command Center di Taiwan, ha infatti dato il via libera alla presenza negli stadi di 1000 persone, mantenendo dunque un distanziamento sociale rilevante, ma al tempo stesso concedendo la possibilità ai fan di godersi le gesta dei propri beniamini, in un primo passo verso il graduale ritorno alla normalità.

Grazie all’efficace tracciabilità, quarantena e test, Taiwan ha riportato solo 439 casi confermati e sei decessi nonostante la vicinanza alla Cina. Per questo motivo anche nel mondo del calcio le partite sono proseguite, pure in questo caso a porte chiuse e con i soliti stratagemmi per rendere meno desolante l’atmosfera. Che adesso, forse, potrà ricominciare a gradualmente quella di un tempo.

Corea del Sud, Son termina la leva. Forse

Bonaccini: “Lavoriamo per MotoGP Misano”