Champions League, Mbappe e Messi
Champions League, Mbappe e Messi

Francia, Mbappé: “Mi piacerebbe sfidare Bolt sui 100 metri”

Kylan Mbappé e la velocità. Un predestinato, con una vera e propria dichiarazione d’amore nei confronti della rapidità. La sua costante, nel calcio come nella vita.

Quando ero bambino ero affascinato, come tanti miei coetanei, dalle accelerazioni degli aninali, soprattutto dei felini: mi piaceva vederli correre. Mi impressionavano quando raggiungevano la preda e la acchiappavano. Si, già da bambino ero affascinato dalla velocità.

Embed from Getty Images

L’attaccante francese, atteso protagonista all’Europeo con la maglia della formazione di Deschamps, si è confessato nei giorni scorsi a France Football parlando del proprio rapporto con la velocità:

Ho rapporto speciale con il mondo della velocità in generale, anche se non soprattutto a livello motoristico. Mi piaccino piloti come Fabio Quartararo, Pierre Gasly o Max Verstappen, ma ora è difficile con il lavoro che faccio dedicarmi interamente ai motori, anche se restano una passione forte. Mi piacerebbe misurarmi con tutti loro.

Francia, Mbappé: “Mi piacerebbe sfidare Bolt sui 100 metri”

Mbappé non nasconde la propria ammirazione anche per il giamaicano Usain Bolt, re della velocità in ogni competizione dell’atletica leggera.

Abbiamo aspettato a tarda ora per vederlo correre in 9 secondi in una finale olimpica. Più che uno sprinter, era un vero e proprio showman. Un’icona assoluta. Ammetto che, in un’altra vita, mi piacerebbe disputare una finale dei 100 metri, magari proprio con Bolt. Quando ero a Montecarlo mi sono allenato anche sui 100 metri, sembra breve, ma è una distanza lunga, per l’intensità che sviluppi e lo stress muscolare. Però, mi piacerebbe riprovare, anche se non sarà facile nella mia carriera di calciatore.

Euro 2020, dramma Eriksen: il giocatore ora è cosciente in ospedale

Euro 2020, Skriniar: “Spaventato per Eriksen, contento stia bene”

Euro 2020, la Svizzera cambia un portiere: fuori Omlin, dentro Kobel

Euro 2020, la Svizzera cambia un portiere: fuori Omlin, dentro Kobel