Guerra in Ucraina, Shakhtar chiede maxi-risarcimento alla Fifa

Lo Shakhtar Donetsk ha depositato un ricorso alla Corte Arbitrale dello Sport in cui chiede un risarcimento di 50 milioni di euro alla Fifa impugnando una decisione dell’organo di governo del calcio mondiale che consente ai giocatori stranieri di sospendere unilateralmente i loro contratti a causa della guerra.

Lo riferisce il portale Yhe Athletic, secondo cui lo Shakhtar, club che gareggia regolarmente in Champions League, è pronto a una straordinaria battaglia legale con la Fifa.

Embed from Getty Images

Guerra in Ucraina, Shakhtar chiede maxi-risarcimento alla Fifa

La controversia si basa su un pronunciamento della Fifa dello scorso 21 giugno, secondo cui i giocatori e gli allenatori stranieri hanno il diritto di sospendere i contratti di lavoro con i club ucraini fino al 30 giugno 2023, a meno che non possa essere raggiunto un accordo reciproco tra un giocatore o allenatore e il proprio club.

Il club ucraino lamenta il fatto che dopo lo scoppio del conflitto e lo stop al campionato poteva comunque negoziare le cessioni dei giocatori ed era in trattative attive con diversi club. Il pronunciamento della Fifa ha lasciato allo Shakhtar poco più di una settimana per chiudere le cessioni, mentre i club acquirenti e gli agenti dei giocatori sapevano che potevano semplicemente aspettare fino al 30 giugno per evitare di pagare al club ucraino il costo dei cartellini.

Calciomercato Lazio, il Siviglia ci prova per Luis Alberto

Svizzera, procura vuole impugnare assoluzione Blatter e Platini