Lo Wuhan Zall torna in Cina dopo 3 mesi

Sono trascorsi più di 3 mesi, 104 giorni in totale. Ora però lo Wuhan Zall, squadra della città cinese epicentro della pandemia del Covid-19, è tornata a casa. I giocatori sono arrivati nella principale stazione cittadina a bordo di un treno super-veloce proveniente da Guangzhou.

Ad accogliere il tecnico Josè Gonzalez e i suoi giocatori c’erano centinaia di tifosi con striscioni, che hanno intonato cori e canti in onore della squadra, che gioca nella Chinese Superleague (nell’ultimo campionato ha chiuso al sesto posto), consegnando mazzi di fiori ai calciatori, che erano tutti con la mascherina, e allo staff tecnico.

“Dopo più di tre mesi di girovagare per il mondo, finalmente il gruppo del Wuhan Zall ha rimesso piede in città – scrive sui social un portavoce del club -. Adesso i calciatori locali staranno qualche giorno con i loro familiari, che non hanno visto in tutto questo tempo, e che ringraziamo per il loro supporto”. Ma da mercoledì prossimo, 22 aprile, lo Wuhan Zall tornerà ad allenarsi, anche se la data della ripresa del campionato è ancora incerta.

Embed from Getty Images

Cina, lo Wuhan Zall torna a casa

Lo Zall stava preparando il campionato prima in casa e poi a Guangzhou quando, per l’espandersi della pandemia e delle conseguenti restrizioni, a fine gennaio aveva deciso di volare in Spagna, a Malaga, per continuare lì la preparazione, nonostante l’iniziale diffidenza della popolazione locale (“i miei ragazzi non sono degli untori”, aveva detto Gonzalez).

Ma con l’arrivo del coronavirus in Spagna, il team di Wuhan aveva deciso di tornare in patria, dove i dati dei contagi erano in netto calo. Ma con la chiusura dei confini iberici e la cancellazioni di molti voli la squadra era rimasta in stand by in Germania prima di poter prendere un aereo per la Cina.

Arrivata a Shenzen, tutta la comitiva dello Zall si era messa in quarantena per tre settimane, prima di potersi spostare a Foshan, per riprendere gli allenamenti. Soltanto ieri sera allo Zall ha avuto il permesso di prendere il treno per Wuhan, undici milioni di abitanti, dove ora è festa per il ritorno di questa squadra che in città,ha un vasto seguito di tifosi.

Garcia: “Non è ragionevole giocare ogni 3 giorni”

Coni, Malagò: “Sport senza scudetti è un segnale”