Megan Rapinoe
Megan Rapinoe

Razzismo, Rapinoe: “Messi e Cristiano Ronaldo, dove siete?”

Megan Rapinoe, capitano della nazionale femminile degli Stati Uniti campioni del mondo in carica, torna ad attaccare Donald Trump. Lo fa a quattro giorni dalle elezioni presidenziali statunitensi e invita sportivi del calibro di Cristiano Ronaldo e Leo Messi a schierarsi contro il razzismo.

L’ultima vincitrice del Pallone d’Oro femminile per parlarne ha approfittato di un’intervista su L’Equipe (in concomitanza del lancio del suo libro):

Trump pensa solo a Trump, è completamente matto. Oggi c’è chi lotta giorno dopo giorno, chi fa due o tre lavori ma non riesce a pagare l’affitto o a mettere da parte contributi per la pensione. I Repubblicani fanno loro credere che è colpa dei neri e degli immigrati. Questa denigrazione continua porta a uno stress generalizzato che alimenta le tensioni nel Paese. Viviamo un tempo di fratture.

Embed from Getty Images

Razzismo, Rapinoe: “Messi e Cristiano Ronaldo, dove siete?”

A questo punto Megan Rapinoe  chiama in causa Cristiano Ronaldo e Leo Messi:

Se decidessero di utilizzare il loro prodigioso livello di popolarità per lottare contro il razzismo potrebbero fare moltissimo. Non parlo di indossare una t-shirt con la scritta Black Lives Matter, parlo di fare qualcosa di più profondo. Mbappé? Spero che le generazioni più giovani possano misurare meglio il loro potenziale impatto. Vorrei che capisse che può davvero cambiare il mondo. Se vuoi essere il re, allora cerca di essere il re migliore possibile.

Diverso il discorso negli altri sport, dove secondo Megan Rapinoe la movimentazione anti razzismo è più sentita:

La disponibilità di Lewis Hamilton a parlare è incredibile, per non parlare di LeBron James, dato che sono al centro di colossali poteri economici. Naomi Osaka, che agli US Open indossava maschere con i nomi dei neri uccisi dalla polizia statunitense come Breonna Taylor e George Floyd. Questi atleti mi ispirano. C’è come un filo invisibile tra noi. Non dobbiamo essere timidi.

Stipendi Lazio 2020/2021

Lazio, ancora più emergenza: anche Fares e Patric in isolamento

Ranieri, Sampdoria

Sampdoria, Ranieri: “Il derby è passione, si azzera qualsiasi cosa”