Razzismo su Mawuli a Sambenedettese-Padova, aperta inchiesta

La procura federale ha aperto ufficialmente un procedimento in riferimento ai presunti insulti razzisti contro il giocatore Shaka Mawuli, durante la partita di Lega Pro fra la Sambenedettese e il Padova.

Un match disputato domenica scorsa, 17 gennaio e che ha suscitato le ire dei dirigenti della Sambenedettese, come spiegato dal ts Giovanni Improta:

Shaka Mawuli ha ricevuto offese con frasi razziste. Il nostro giovane di colore ha denunciato in continuazione qualcosa del genere con il signor arbitro che non è intervenuto. Questa cosa è gravissima. Ci sta non concedere un rigore, ma il direttore di gara aveva il dovere di sentire le offese razziste rivolte a Shaka Mawuli. Io ho fatto presente di tutto alla Procura Federale. Sono molto arrabbiato, non tollero questi atteggiamenti.

Razzismo su Mawuli a Sambenedettese-Padova, aperta inchiesta

Non si è fatta attendere la risposta della Figc:

La decisione del procuratore federale Giuseppe Chinè è stata presa “in seguito alle dichiarazioni rilasciate ad alcuni organi di stampa da un dirigente della Sambenedettese.

Mawuli, che sarebbe stato vittima di insulti a sfondo razziale, sarà convocato nei prossimi giorni in Procura per essere ascoltato.

Roma, Fonseca

Roma, tifosi furiosi per la gaffe in Coppa Italia: “Qualcuno paghi”

Lazio, Luis Alberto operato di appendicite: “Torno presto”