Ribery, addio amaro: “La Fiorentina mi ha mancato di rispetto”

Franck Ribery, in collegamento con la trasmissione ‘A tutto gol’ di Toscana Tv, ha parlato del suo addio alla Fiorentina:

L’addio dalla Fiorentina non è stato facile. Io sono una persona vera, ho dato veramente tutto, com’è nella mia mentalità. Per tre o quattro settimane nessuno mi ha chiamato, ci poteva essere la sensazione che mancasse il rispetto nei confronti del mio impegno. Mi è sembrato che questi due anni in cui ho dato tutto non siano stati riconosciuti.

Il campione francese ancora non ha deciso che cosa farà nella prossima stagione.

Ho pensato veramente di continuare a Firenze, non ho mai criticato la società e ho bei ricordi. Vorrei rimanere in Italia, mi piacerebbe restare in questo campionato. Due anni con la Fiorentina per me sono stati una bella esperienza, hanno significato tanto. Non sono stati due anni facili, ma ho conosciuto una bella città e tante belle persone. Ho dato il massimo per la squadra e per i tifosi. Peccato, avrei voluto continuare un altro anno, ma la vita e il calcio sono così. Sono sempre stato a disposizione, anche nei momenti più duri.

Ribery, addio amaro: “La Fiorentina mi ha mancato di rispetto”

Ribery ha parlato anche di Vlahovic:

Sono sempre stato a disposizione di tutti, ho fatto il massimo di quello che potevo in due anni molto difficili. Ero venuto a Firenze affascinato dalla città e dal nome glorioso della Fiorentina. Dusan Vlahovic è stato come un fratello piccolo, gli ho sempre parlato perché ha un potenziale veramente grande, ma deve ancora capire tante cose. Nell’ultimo anno è cambiato, ha imparato. Negli ultimi mesi ho apprezzato le sue giocate e i suoi gol. Sono contento, perché è un giovane che ascolta.

Embed from Getty Images

Sui tifosi, l’ex attaccante del Bayern ha affermato:

Sono triste perché per un anno abbiamo giocato con lo stadio vuoto. Per me è stato un po’ difficile a livello di motivazioni, giocare senza pubblico.

Calciomercato, scambio Griezmann-Saul tra Barcellona e Atletico Madrid?

Calciomercato, scambio Griezmann-Saul tra Barcellona e Atletico Madrid?

Ceferin Uefa Superlega

Uefa, Ceferin: “Non ripeteremo la formula dell’Europeo itinerante”