Quello che non sai su Stephan El Shaarawy

Stephan El Shaarawy: prima punta, seconda, esterno d’attacco, esterno di centrocampo. Ecco il giocatore offensivo tra i più polivalenti del calcio italiano.

Cresce nelle giovanili del Genoa, ma da allora ne ha fatta di strada il “Faraone”, soprannome subito affibbiatogli viste le sue chiare origini egiziane. L’esordio tra i grandi con il Grifone, poi il prestito al Padova, la grande occasione con il Milan, infine Monaco e Roma. E poi la Cina.

El Shaarawy ha fatto anche tutta la trafila nelle varie Under italiane, sino all’approdo in Nazionale. Nel 2012 è stato inserito nella lista dei migliori calciatori nati dopo il 1991 stilata da Don Balon. E nello stesso anno, il giornale The Guardian, lo ha messo tra i 100 calciatori più forti.

La storia El Shaarawy: il padre Sabri, la madre Lucia

Nasce a Savona il 27 ottobre 1992, suo padre Sabri, egizano, è laureato in Psicologia, sua madre Lucia, italiana, è laureati in Scienze Infermieristiche.ato a Savona da papà egiziano e madre italiana, è cresciuto nelle giovanili del Genoa.

Stephan El Shaarawy tira i primi calci ad un pallone nella U.S. Legino 1910, società di Savona, la sua città natale. Poi approda al Genoa: da qui parte l’ascesa al calcio che conta. Il 21 dicembre del 2008, ad appena 16 anni, 1 mese e 24 giorni, ecco l’esordio in Serie A. È il calciatore più giovane ad aver esordito nella massima serie tra le fila del Grifone. Gasperini lo chiama spesso in prima squadra, è lui il primo tecnico a credere nelle potenzialità del ragazzo. Ha tecnica, velocità, dribbling, senso del gol.

L’esordio e i gol con la Maglia del Milan

L’anno dopo va al Padova in prestito: in Serie B segna il suo primo gol tra i professionisti nel match contro la Reggina. Viene notato dal Milan, che con il Genoa (in compartecipazione) danno vita all’affare: il cartellino di Merkel e un conguaglio di 7 milioni di euro. Esordisce con la maglia rossonera a 18 anni allo stadio San Paolo, contro il Napoli. Il 3 ottobre del 2012, in Champions League, segna il suo primo gol: diventa così il marcatore più giovane della storia del Milan. Chiude la sua stagione con 16 reti in Serie A e 19 totali.

Infortuni e il flop al Monaco. Poi la rinascita

Altre due stagioni in rossonero, ma El Shaarawy non si ripete, troppi infortuni. Il 13 luglio del 2015 passa al Monaco in prestito oneroso a 3 milioni con diritto di riscatto a 13. Gioca 6 mesi, sino a gennaio, poi lo stop burocratico: alla 25esima presenza il club monegasco sarebbe stato obbligato a riscattare il suo cartellino. Così il 26 gennaio del 2016 passa alla Roma in prestito. Il Faraone rinasce prima con Spalletti, poi con Di Francesco. Il suo futuro è giallorosso.

L’esperienza alla Roma: il Faraone all’Olimpico

L’esordio in maglia giallorossa è datato 30 gennaio 2016, quando scende in campo nella gara contro il Frosinone segnando anche il primo gol, una rete di tacco, con la maglia della Roma. La prima doppietta arriva meno di un mese dopo, in casa dell’Empoli, nel match finito 3-1 per la squadra giallorossa.

Durante i primi sei mesi alla Roma colleziona 18 presenze e 8 gol, numeri che convincono la dirigenza a riscattarlo a titolo definitivo.

El Shaarawy Roma foto

Il 20 ottobre 2016 arriva la prima doppietta in Europa, nella gara di Europa League pareggiata 3-3 all’Olimpico contro l’Austria Vienna. Nella seconda stagione colleziona 44 presenze e segna 12 gol in totale in tutte le competizioni.

Nella stagione successiva realizza la prima doppietta in Champions League nel match della fase a gironi contro il Chelsea, finito 3-0 per la Roma. A fine stagione El Shaarawy avrà collezionato 33 presenze e segnato 7 gol in campionato.

L’addio alla Roma e il passaggio allo Shangai Shenhua: ecco quanto guadagna El Shaarawy

Nell’estate del 2019, un po’ a sorpresa, El Shaarawy viene ceduto allo Shangai Shenhua. Alla Roma vengono pagati 16 milioni di euro per il cartellino del giocatore, ma è lo stipendio di El Shaarawy a far paura: l’italo-egiziano ha firmato un contratto fino al 30 giugno 2022 a 16 milioni di euro a stagione.

Il rapporto con la Nazionale

Dopo aver fatto la trafila in tutte le rappresentative giovanili, compresa l’Under 21 con Ciro Ferrara, El Shaarawy viene convocato per la prima volta da Cesare Prandelli il 15 agosto del 2012. Esordio contro l’Inghilterra a 19 anni. Partecipa alla Confederations Cup del 2013 e viene inserito nella lista dei convocati dal ct Antonio Conte per l’Europeo del 2016. In amichevole, contro la Francia a novembre del 2012, segna la sua prima rete azzurra.

I valori di Stephan El Shaarawy su FIFA 20

Stephan El Shaarawy su FIFA 20 di EA Sports ha un rating totale di 82. Queste le sue caratteristiche principali:

  • Pace 87
  • Shoot 78
  • Physical 60
  • Passage 71
  • Dribbling 84
  • Defense 42

Calciomercato: qual è il valore di Stephan El Shaarawy?

Secondo il sito specializzato Transfermarkt, il cartellino di Stephan El Shaarawy aggiornato a maggio 2020 è di circa 13 milioni di euro. Nei primi mesi del 2020 si è parlato più volte di un suo ritorno in Italia. Le voci sono state confermate dallo stesso giocatore: El Shaarawy ha parlato apertamente di contatti con 2 squadre di Serie A, di cui una è la Roma.

Il fisico di El Shaarawy: quanto pesa e quanto è alto? Ecco le sue caratteristiche fisiche

Stephan El Shaarawy è alto 178 centimetri e il suo peso forma è di 72 kg. Il suo piede preferito è il destro.

I profili sui social network di Stephan El Shaarawy

Il Faraone pur potendo contara su 5,3 milioni di fan su Facebook, e su 1,4 milioni di follower su Twitter, è attivo principalmente su Instagram (sono quasi 4 milioni i suoi follower).

La fidanzata di El Shaarawy

Il giocatore ex-Roma è decisamente molto riservato riguardo alla sua vita privata. In passato è stato fidanzato con Ester Giordano. Negli ultimi mesi il gossip ha messo il giocatore al centro degli interessi di Federica Spano e Irene Capuano, due influencer (amiche dai tempi di Uomini e Donne) che sembrerebbero contendersi i favori di Stephan El Shaarawy. Non arrivano conferme di nessun tipo da parte del Faraone.

Quello che non sai su Edin Dzeko

Zlatan Ibrahimovic con la maglia del Milan

Quello che non sai su Zlatan Ibrahimovic