Stevan Jovetic

Stevan Jovetic è nato a Podgorica, nell’attuale Montenegro, il 2 novembre 1989. Ha cominciato a giocare a calcio nel club della sua città, il Mladost Podgorica, mettendo subito in mostra le sue doti di attaccante ricco di talento, prima di passare nel 2003, a soli 14 anni, alle giovanili del Partizan Belgrado. Allora il Montenegro era ancora parte integrante della Serbia, ma, quando nel 2006 il piccolo stato balcanico è diventato una repubblica indipendente, Stevan non ha avuto dubbi e ha sempre vestito la maglia della Nazionale montenegrina, di cui è diventato capitano.

Difficilmente etichettabile da un punto di vista tecnico, Jo-jo, come viene soprannominato, è sicuramente un attaccante. Nel corso della sua carriera è già stato impiegato in tutti i ruoli del reparto avanzato: ha fatto la punta centrale, è partito come esterno sinistro, è stato trequartista, fantasista e seconda punta. E forse è proprio quest’ultimo il ruolo che gli si addice maggiormente.

Dotato di grande agilità, ma anche di forza e potenza, il suo pregio maggiore è saper saltare l’uomo. Un ottimo dribbling e uno straordinario controllo di palla gli permettono di liberarsi facilmente dell’avversario e andare al cross, oppure presentarsi in area per tentare la conclusione personale. Non per niente i suoi idoli di gioventù, Andri Shevchenko prima e il suo connazionale Mirko Vucinic poi, sono entrambi stati grandi attaccanti, talentuosi ma anche potenti.

Stevan Jovetic, un ragazzino alla Fiorentina

Embed from Getty Images

Nelle giovanili del Partizan, Stevan Jovetic ci rimane ben poco: a 16 anni esordisce in prima squadra nel campionato serbo e in breve, a suon di gol, si afferma come uno dei talenti europei emergenti. La stagione 2007-08 è quella della definitiva consacrazione: vince campionato e coppa nazionale segnando, a soli 18 anni, 19 gol in 60 match, e soprattutto si presenta sulla ribalta internazionale realizzando 4 reti in 2 partite di Coppa Uefa. La Fiorentina è più veloce della concorrenza e nell’estate del 2008 lo porta in Italia, pagandolo 8 milioni di euro al Partizan. A Firenze rimane per cinque stagioni e, nonostante un brutto infortunio ai legamenti del ginocchio destro che lo tiene a lungo lontano dai campi di gioco, disputa oltre 130 partite, esordendo anche in Champions League e realizzando complessivamente 40 gol.

Jovetic: dalla Premier League alla Liga via Inter

Nel 2013 Jovetic passa al Manchester City per 30 milioni, bonus inclusi, ma, complice anche una serie di infortuni, stenta a trovare spazio nei Citizen. Cosa che non gli impedisce, comunque, di vincere già alla prima stagione la Premier League e la Coppa di Lega. Ancora meno fortunata la successiva esperienza all’Inter, dove arriva nell’estate 2015 per ripartire, dopo una stagione e mezza con pochi squilli, verso Siviglia dove, con Sampaoli, conta di tornare ad affermare il proprio talento.

Gli infortuni di Stevan Jovetic: dalla rottura del legamento ai problemi muscolari

Durante la sua carriera, Stevan Jovetic ha subito numerosi infortuni. Il primo è stato la rottura del legamento crociato nell’agosto del 2010 quando militava alla Fiorentina. Successivamente, il montenegrino ha accusato diversi problemi muscolari, sia alla coscia che al polpaccio, problemi che gli hanno fatto saltare diverse gare, anche nell’ultima stagione 2018/19 con la maglia del Siviglia.

Ivan Perisic

Quello che non sai su Ivan Perisic

Mauricio Pochettino