Ingaggi Barcellona

Stipendi Barcellona 2020/21: Messi il più pagato tra i giocatori di Koeman

Dopo un paio di stagioni passate a guardare la targa al Real Madrid, il Barcellona è tornato a essere la squadra con il limite salariale più alto di tutta la Liga. I blaugrana, dopo la faraonica campagna estiva di calciomercato del 2019, hanno aumentato il loro tetto degli ingaggi di quasi 39 milioni di euro, portando il tetto salariale da 632,9 a 671,429 milioni. Merito, in primis, degli arrivi di Antoine Griezmann e Frenkie de Jong, due fuoriclasse i cui contratti incidono in maniera decisiva sulle casse dei catalani, basti pensare che l’attaccante francese arrivato dall’Atletico Madrid percepisce uno stipendio di circa 18 milioni di euro netti a stagione.

Il podio di questa speciale graduatoria è completato ovviamente dalle altre due big del calcio spagnolo, le squadre madrilene: al secondo posto si stanzia il Real Madrid, che ha aumentato il suo tetto di stipendi portandolo da 566,5 a 641,049, facendo registrare un rialzo di +74,55 milioni, mentre l’Atletico di Diego Simoene è passato dai 293 milioni del 2018/19 ai 348,5 di oggi, riducendo il gap con le prime due della classe.

In attesa di quello che accadrà al termine di questa finestra di calciomercato, subito dietro alle grandi troviamo Siviglia e Valencia, guarda caso due delle compagini che ormai ogni anno partecipano alla battaglia per il quarto posto in campionato. Andare in Champions League aumenta i ricavi e permette ai club di investire di più, per questo andalusi e valenciani – a turno – fanno a gara per strapparsi di mano la qualificazione alla fase a gruppi del torneo continentale più importante del mondo. Scorrendo la classifica, tra le realtà presenti in top 10 troviamo anche Athletic, Betis, Real Sociedad, Espanyol e Villarreal: il Submarino Amarillo, al pari del Leganes, è l’unico ad aver diminuito le spese per gli stipendi, mentre tutti gli altri club – anche se di poco – le hanno incrementate.

Antoine Griezmann, fiammante rinforzo di mercato del Barcellona: il francese ha firmato un contratto fino al 2024 e percepirà 18 milioni di euro netti a stagione

Liga, Barcellona primo per gli ingaggi: superato il Real Madrid

Il tetto salariale rappresenta il limite massimo di spesa che può essere sostenuto da un club per la gestione degli stipendi dei propri tesserati, che siano giocatori o staff tecnico. Questo valore si ottiene tenendo conto dei vari ricavi che una società può ottenere in entrata (sponsorizzazioni, diritti tv, stadio e quant’altro) sottraendo loro le spese di gestione da sostenere nell’arco di una stagione. Tra queste rientrano i pagamenti degli emolumenti fissi e variabili, commissioni per gli agenti, ammortamenti vari e costi strutturali del club. Il tutto viene sottoposto direttamente alla Liga e, qualora non ci fossero problemi, successivamente approvato.

Come si diceva in precedenza, il Barcellona è la squadra che può permettersi di spendere di più in chiave stipendi, basti pensare che solo l’ingaggio di Lionel Messi tocca i 39 milioni di euro netti a stagione, il che fa dell’argentino il calciatore più pagato del mondo. Subito dopo di lui, oltre al già citato Griezmann, troviamo Luis Suarez, il quale si porta a casa la bellezza di 15 milioni di euro l’anno ma che è in uscita dal Camp Nou. Scendendo un po’, con il probabile addio di Coutinho – che, va detto, aiuterebbe la società a sgravarsi di un bel fardello economico pari a quasi 10 milioni – subito dopo il podio si posizionano Frenkie de Jong (10) milioni e Sergio Busquets (9,36 milioni), seguiti a ruota dal talento francese Ousmane Dembélé, fermo a quota 9.

Qualche spicciolo in meno lo guadagnano Gerard Piqué e Arturo Vidal (anche lui in uscita), che tra parte fissa e variabile toccano gli 8,58 milioni. L’addio di Ivan Rakitic ha permesso alla società blagrana di alleggerirsi di uno stipendio netto di 7,8 milioni di euro a stagione. Il contratto di Jordi Alba è stato uno degli ultimi a essere rinnovato in ordine cronologico: l’ex terzino del Siviglia oggi guadagna oltre 5 milioni di euro, niente male se si considera che il salario è stato praticamente triplicato. Chiudono la carrellata Marc Andre Ter-Stegen (4,68 milioni, in attesa di rinnovo) e il trio composto da Samuel Umtiti, Nelson Semedo e Sergi Roberto, tutti fermi a 3,9. Il meno pagato tra i potenziali titolari? Jean Clair Todibo. Del giovane Carles Aleñà non si conoscono al momento le cifre esatte dell’accordo con i blaugrana.

Quanto guadagnano i giocatori del Barcellona: gli stipendi aggornati al 2020/21 (*)

  • Lionel Messi: 39 milioni fino al 2021
  • Antoine Griezmann: 18 milioni fino al 2024
  • Luis Suarez: 15 milioni, in uscita
  • Philippe Coutinho: 10,5 milioni di euro, in uscita?
  • Frenkie de Jong: 10 milioni fino al 2024
  • Sergio Busquest (9,36 milioni di euro fino al 2023
  • Ousmane Dembélé: 9 milioni di euro fino al 2021
  • Gerard Piqué: 8,58 milioni di euro fino al 2022
  • Arturo Vidal: 8,58 milioni di euro, in uscita
  • Jordi Alba: 5,2 milioni di euro fino al 2024
  • Marc Andre:Ter-Stegen: 4,8 milioni fino al 2022
  • Samuel Umtiti: 3,9 milioni fino al 2023
  • Nelson Semedo: 3,9 milioni fino al 2022
  • Sergi Roberto: 3,9 milioni fino al 2022
  • Clement Lenglet: 3,64 milioni fino al 2023
  • Rafinha: 3,1 milioni, in usicita
  • Thomas Vermaelen: 2,9 milioni fino al 2022
  • Junior Firpo: 2,3 milioni fino al 2024
  • Jean Clair Todibo: 1,2 milioni fino al 2023
  • Ronald Koeman: 5 milioni fino al 2022

* cifre in milioni di euro netti a stagione

Milan

Stipendi Milan 2018/2019: quanto guadagnano Gattuso e i giocatori

Fascia capitano Inter

Inter, da Marktl a Handanovic: la lista dei capitani nerazzurri