Barcellona, primi contatti con Messi: proposto il rinnovo fino al 2023

Il Barcellona ha fatto sapere a Jorge Messi, papà di Leo, che a breve intenderà sedersi attorno a un tavolo per discutere seriamente del rinnovo del contratto della Pulga. L’attuale vincolo del giocatore col club scadrà nel giugno del 2021 e, già in passato, la società aveva provato ad approcciarsi all’entourage del campione argentino, cercando di captarne le intenzioni future. L’idea di Bartomeu, il cui incarico da presidente del Barça scadrà ufficialmente nel 2023, è quella di mettere a segno un colpo importante in vista di quella che potrebbe essere la sua rielezione, soprattutto visti i tempi incerti che attualmente il numero uno blaugrana sta passando da un anno a questa parte.

Lionel Messi, fresco vincitore del suo sesto Pallone d’Oro, a oggi rappresenta ancora l’epicentro per un Barcellona troppo dipendente dalle lune della Pulga. A 32 anni la parabola discendente di carriera è inevitabilmente cominciata, ma la storia d’amore con il capoluogo catalano – visti i pregressi – non può limitarsi solamente a questioni di campo. Leo, che domenica prenderà l’aereo per volare in Argentina, passerà le feste in famiglia e ne approfitterà per fare il punto della situazione. Sarà probabilmente Rosario la città in cui si deciderà il destino di Messi, con buona pace di Bartomeu, che dovrà aspettare almeno l’anno nuovo per formalizzare ufficialmente l’offerta di rinnovo.

Secondo Mundo Deportivo, al giocatore verrà proposto un biennale, in modo da arrivare a 36 anni per chiudere la propria carriera europea. A quel punto Leo potrà tornare in patria, magari per giocare con il Newell’s Old Boys, il suo primo grande amore di infanzia. Anche su questo però ci sarà da ragionare: come dichiarato da lui stesso in un’intervista, la famiglia sta bene a Barcellona e, soprattutto i figli, ormai hanno una vita che difficilmente li convincerà a lasciare la Spagna. Nel frattempo però bisogna prendere decisioni per l’immediato futuro. E, con un contratto in scadenza nel 2021, Messi dovrà far luce quanto prima sulle proprie intenzioni.

Prove di rinnovo tra Messi e Barcellona, Bartomeu: “A breve gli faremo un’offerta…”

Il fenomeno rosarino ha assicurato più volte di sentirsi legato al club e alla città che, sin da bambino, lo ha ospitato e cresciuto, fino a farlo diventare l’uomo che è oggi. Difficile quindi che Messi possa fare uno sgarbo al Barcellona: se mai un giorno decidesse di andare via, lo farebbe solo per cambiare continente o riunirsi con il popolo della Lepra. Ma, almeno per come stanno le cose a oggi, i blaugrana non sembrano correre particolari pericoli. Piuttosto, bisogna capire se lo stesso giocatore accetterà di perdere colpi davanti al suo popolo. Bartomeu, intervenuto sulle frequenza di Radio Catalunya, non ha però dubbi al riguardo:

Vogliamo offrire a Leo ancora qualche anno di contratto, ci sentiremo di nuovo col padre per parlarne.

Il 2023 come deadline, quindi. E poco importa come Messi ci arriverà: la sua traiettoria al club è paragonabile solamente a quella di una figura storica come Carles Puyol, coraggioso a tal punto da rinunciare a due anni di contratto, una volta preso atto delle proprie condizioni fisiche precarie. “Charli” non faceva più la differenza e decise di dire basta. Ecco, con le dovute proporzioni, questo sarebbe l’unico inconveniente da considerare, qualora il rinnovo della Pulga dovesse prossimamente formalizzarsi. Ma a Barcellona, vedendo quello che Leo è ancora in grado di fare, non si preoccupano. E al rientro dalle feste, il nono matrimonio tra Messi e i blaugrana potrebbe ufficialmente celebrarsi.

Lotto e Superenalotto: le estrazioni di oggi

Ritardatari Lotto, numeri aggiornati estrazione del 30 gennaio

Cristiano Ronaldo e non solo: i calciatori più famosi “in volo”