Quando Leo Messi ereditò la numero 10 di Ronaldinho

Tutti sanno che Lionel Messi ha iniziato al Barcellona indossando la numero 30, con la quale ha segnato il suo primo gol in Spagna, mentre ha optato per la 19 una volta diventato titolare.

All’inizio della stagione 2008/09, il proprietario della numero 10 del Barcellona, un certo Ronaldinho, ha lasciato il club e Messi ha ereditato quella maglia iconica. Il resto è storia.

Da quel giorno Leo ha iniziato a collezionare record su record: ha vinto tutto quello che c’era da vincere almeno tre volte, ha ottenuto 6 Palloni d’Oro, ha segnato più di 700 gol in carriera.

Messi e Ronaldinho, amicizia da numeri 10

Nell’ultima stagione di Dinho in Spagna, il Barcellona non vinse neanche un trofeo. Ecco perché il club decise di lasciarlo andare al Milan, lasciando a Messi il compito di prendere il suo posto nel cuore dei tifosi blaugrana. E il fenomeno argentino ha sempre sottolineato l’importanza di Ronaldinho per la sua carriera:

Mi è stato di grande aiuto. Non è facile per un ragazzo di 16 anni inserirsi in uno spogliatoio come quello, soprattutto con il mio carattere.

Non è complicato immaginare le difficoltà di un ragazzino al cospetto di quei mostri sacri. Tanto talento – è vero – ma altrettanta timidezza. Soprattutto nel momento del salto dal Barcellona B alla prima squadra:

Quelli che venivano dalla squadra B si sedevano sul lato opposto. Lo spogliatoio era fatto a ‘U’ e di fronte a me c’era lui. Un giorno mi ha detto che avrei dovuto cambiare lato e mettermi dalla parte loro.

Pochi passi, ma che facevano tutta la differenza del mondo. Lo spazio accanto a quello di Ronaldinho non apparteneva a nessuno:

L’armadietto era vuoto e, in quel settore, c’erano solo il suo, e quelli di Deco e di Motta. Mi hanno detto di sistemarmi lì. Devo dire che è stata dura, in un primo momento ho detto di no. Fu in quel momento che lui mi convinse a spostarmi da quella parte.

L’allievo supera il maestro

È sempre bello ricordare il passaggio di consegne tra due dei calciatori più forti della storia. In un’intervista a BarcaTV, tempo fa Lionel Messi ha raccontato il momento in cui il suo compagno di squadra gli chiese di prendere il suo numero:

Sapeva da circa due mesi che avrebbe lasciato il club e mi ha detto che avrebbe voluto lasciare a me la maglia numero 10. Ho accettato senza pensare a quello che aveva fatto lui con quella maglia. Se lo avessi fatto, non l’avrei potuta prendere.

Ronaldinho e Messi hanno sempre condiviso una grande amicizia, sia in campo che fuori. Non è un caso che l’assist per il primo gol in Liga di Leo sia arrivato proprio dai piedi di Dinho. E quanto sarebbe stato bello vederli ancora fianco a fianco per diversi anni. Senza dare troppo peso a quella numero 10.

Kakà Milan

Kakà e il Milan: una storia d’amore lunga 7 stagioni

La Bundesliga (e il calcio) ripartono dai gol di Haaland