Real Madrid via il Bernabeu alla ripresa della Liga

Via dal Bernabeu, anche se a tempo determinato. I dirigenti del Real Madrid starebbero valutando la possibilità di cambiare stadio per disputare le rimanenti partite della Liga spagnola. Lo riporta il portale spagnolo Okdiario. L’idea del club merengues sarebbe quella di scendere in campo allo stadio “Alfredo di Stéfano”. Un impianto situato nella “Ciudad Deportiva di Valdebebas” e che è usato per le partite del Real Madrid Castilla, la seconda squadra del club madridista.

Se la stagione dovesse proseguire, gli incontri saranno giocati solamente senza il pubblico in tribuna. Un’eventualità che ha portato il Real Madrid a pensare alla possibilità di giocare al “Di Stéfano” e ad accelerare così i lavori di riqualificazione del Santiago Bernabéu.

Dopo una pausa di dieci giorni, i lavori proseguono a buon ritmo. Se alla fine la Liga dirà “sì” al cambio di campo, la ristrutturazione del Bernabéu non subirebbero alcuno stop fino al mese di settembre, dato che durante ogni partita i lavori dovrebbero fermarsi per rendere agibili gli spazi ai tifosi.

Embed from Getty Images

Real Madrid prepara il trasloco, la Liga la ripresa

Il Consiglio superiore dello sport spagnolo (Csd), intanto, ha confermato, attraverso una dichiarazione rilasciata oggi di aver raggiunto un accordo con la Liga e la Federazione spagnola di calcio (RFEF) per il ritorno delle squadre agli allenamenti “quando le circostanze sanitarie lo permetteranno dopo sotto severi protocolli sanitari“. Lo comunica Mundo Deportivo. Questo sarebbe l’accordo principale che le tre suddette organizzazioni avrebbero raggiunto nella riunione fiume durata oltre otto ore che hanno tenuto sabato al Palacio de Viana, quartier generale del Ministero degli Affari Esteri.

Embed from Getty Images

Nell’incontro è stato inoltre concordato che una parte delle entrate generate dai diritti audiovisivi del calcio sarà dedicata al salvataggio di altre discipline sportive, sia olimpiche che paralimpiche.

Come in Italia, anche la Spagna d’altronde lavora per tornare a giocare. Nelle prossime ore è in programma un incontro con i responsabili medici dei club per parlare del protocollo inviato nei giorni scorsi sulla ripresa degli allenamenti e delle competizioni. La Liga non ha fissato ufficialmente alcuna data ma filtra il 4 maggio come ipotesi per consentire alle squadre di tornare al lavoro. Ma al Barcellona, riporta il “Mundo Deportivo”, ci sarebbe più di un dubbio sulla tempistica. Il protocollo, così com’è, sarebbe di difficile applicazione e si preferirebbe aspettare ancora un po’ per ridurre il rischio di contagio. Fra l’altro i giocatori si sarebbero detti già contrari all’ipotesi di rimanere confinati per 15 giorni alla Ciutat Esportiva.

Quello che non sai su Nicolò Barella

Quiz serie a cover

Il quiz definitivo sulla serie A