Liga, si parte sabato
Liga, si parte sabato

Liga, si parte sabato! Ma la Federazione aveva stabilito venerdì

Si scaldano i motori in Spagna. Torna in campo la Liga del Messi più triste di sempre, ma ad accendere la polemica – placato in parte il caso della ‘Pulce’ – e la lite tra i club e la federazione, che ha imposto lo spostamento della partita di esordio da venerdì a sabato. La decisione è stata presa solo ieri in tarda serata, a 24 dal via del nuoco campionato spagnolo.

Embed from Getty Images

La Linea della Rfef è quella di farlo giocare solo di sabato e domenica, mentre la Liga presieduta da Tebas aveva già spalmato le partite dal venerdì a lunedì.

Per evitare danni sportivi irreparabili ai club colpiti da questa assurdità della Rfef (Federcalcio spagnola), La Liga ha riprogrammato le partite inizialmente previste per venerdì e lunedì per questa prima giornata.

Questo quanto recita una nota della Liga. Così Granada-Athletic Bilbao, apertura prevista per le 21 di venerdì si giocherà sabato alle 18.30, e l’incontro di lunedì tra Alaves e Real Betis è anticipato a domenica. La partita d’apertura diventa Eibar-Celta Vigo, sabato alle 16.

Liga, si parte sabato! Ma la Federazione aveva stabilito venerdì

La Liga ha già annunciato che per il secondo turno si giocherà anche venerdì e lunedì, in attesa che il tribunale di Madrid decida a chi compete l’ultima parola sul calendario: la sentenza è prevista per il 6 ottobre. Intanto la Liga chiederà di nuovo al governo di consentire l’accesso di una percentuale di pubblico negli stadi, ancora chiusi per la prima giornata, dalla quale sono esentati Real, Barcellona, Atletico Madrid e Siviglia, reduci dalle coppe europee.

Di sicuro sarà una Liga diversa, quanto meno strana. Dopo aver perso Cristiano Ronaldo due anni fa, è stata a un passo (e non è detto che sia finito il tormentone) dal perdere anche Leo Messi. In ogni caso sarà un Barcellona diverso, ridimensionato dopo la pesantissima sconfitta rimediata nell’ultima Champions League.

Xavi Simons, Psg

Psg decimato dai contagi di Coronavirus: chance per Xavi Simons?

Milan, Brahimi Diaz

Milan, ecco Diaz: “Che orgoglio, da qui sono partite tante leggende”