MMA, le parole che hanno infuocato McGregor: “Non bevo quella m**da”

Comincia a farsi un po’ più chiaro lo scenario legato al pugno che Conor McGregor ha rifilato ad un anziano in un pub di Dublino. Il video, risalente all’aprile scorso, mostra un Notorius visibilmente infastidito a seguito del rifiuto dell’uomo di fronte ad un bicchiere di Proper 12, whisky prodotto dall’ex campione pesi piuma e leggeri UFC – nonché tra i fighter mediaticamente più in vista delle MMA mondiali – e il cui successo è ormai conclamato. Nello specifico, è stato il secondo diniego dell’uomo ad aver fatto infuriare non poco McGregor, che ha rifilato in maniera assolutamente indegna un sinistro ad un uomo apparentemente indifeso prima di essere portato via dal locale.

Le reazioni, sia nel mondo delle MMA che in quello del web, sono state contrastanti: tra chi condannava McGregor stigmatizzandone il deprecabile gesto e chi, invece, sosteneva come ci fosse qualcosa che non quadrasse. Anche noi abbiamo sondato alcune delle piste proposte dalla stampa locale – irlandese, s’intende – ed internazionale, offrendo diversi scenari che, per un motivo o per un altro, potevano sembrare decisamente plausibili. A svelare quella che potrebbe probabilmente essere la versione dei fatti effettiva, però, ci ha pensato l’Irish Mirror.

Come riportato dal giornale irlandese, infatti, la causa dell’ira di McGregor fu effettivamente un’offesa dell’anziano – come avevamo pronosticato anche noi -, ma non alla sua persona specifica. Se prima, infatti, pareva che l’uomo avesse irritato Notorius deridendolo per la sconfitta a UFC 229, stando alla versione dell’Irish Mirror il tutto sarebbe stato scatenato da una frase pronunciata dal malcapitato, che ha apostrofato il Proper 12 come me**da. Una situazione che si è scaldata abbastanza alla svelta, considerato come – stando sempre alla versione del giornale – pare che McGregor non diventi un tipo docile e affabile dopo aver bevuto qualche bicchiere di troppo.

MMA: Conor McGregor davanti al tribunale ad ottobre

La storia, dunque, non è affatto passata in cavalleria nonostante i fatti risalgano effettivamente all’aprile scorso: dopo il rilascio del video, infatti, sono emersi nuovi dettagli che spiegano come McGregor sia praticamente prossimo ad apparire in tribunale. Il combattente di Dublino dovrà dunque spiegare la sua versione dei fatti davanti ad un giudice, e lo farà orientativamente a metà del mese di ottobre. E non è tutto: nel corso dei prossimi giorni lo stesso Notorius vedrà ufficialmente porre il capo d’accusa sopra la propria testa, con i suoi avvocati che dovranno dunque preparare una memoria difensiva in vista del processo che si terrà nei prossimi mesi.

Conor McGregor, pugno a un anziano in un pub: spunta il video

San Paolo, esordio con gol per Dani Alves: Ceara sconfitto 1-0