Tutti i tatuaggi di Conor McGregor

I tatuaggi di Conor McGregor e il loro significato: “Uno non so cosa sia, ero ubriaco…”

Oggi è ancora uno degli atleti più famosi del panorama internazionale, Conor McGregor. Lo vorrebbero sfidare tutti, perché un incontro con Notorious attira attenzioni, pubblicità (e soldi). E il  ‘Money Fight’ con Floyd Mayweather sta a dimostrarlo.

Negli anni sono arrivate nei suoi confronti provocazioni di ogni genere: ci ha provato unavleggenda della boxe come Holyfield, poi i wrestler Randy Orton e Bray Wyatt e anche Manny Pacquiao. Praticamente mancano solo Batman e Rocky Balboa per completare il quadro, ma ciò non fa altro che confermare quanto negli ultimi anni l’atleta irlandese sia passato da aspirante campione a icona della UFC, nonostante gli ultimi anni nell’ottagono lo abbiamo costretto a cedere il passo a cospetto di Khabib Nurmagomedov.

Un’ascesa verticale, che curiosamente è stata direttamente proporzionale alla proliferazione di tatuaggi sul suo corpo. Nel giorno del suo debutto nelle arti marziali miste, infatti, Notorious era praticamente privo di tattoo, mentre con il trascorrere del tempo ha cambiato drasticamente il proprio look.

Tutti i tatuaggi di Conor McGregor con il loro signficato

È l’aprile del 2013, Conor McGregor si cimenta per la prima volta in un incontro ufficiale in UFC (battendo per TKO Marcus Brimage) e gli enormi disegni che ora caratterizzano il suo corpo non ci sono ancora, a differenza invece della barba, il suo vero marchio di fabbrica. Un aspetto completamente diverso da quello attuale, visto che su di lui si possono contare almeno una decina di diversi tatuaggi.

La scritta araba sul polpaccio sinistro

Poco sotto il polpaccio sinistro troviamo una scritta in arabo. Non si sa cosa significhi, ma Notorious ne raccontò l’origine:

È stato il mio primo tatuaggio, l’ho fatto quando ero ubriaco ad Ayia Napa (Cipro, ndr) per 20 euro. Potrebbe significare qualsiasi cosa.

Embed from Getty Images

Il crocifisso alato sul collo e le spine sulla schiena

Sul collo, nella parte posteriore, troviamo invece un crocifisso alato. Non significa certo che Conor sia un tipo religioso, anzi. A dispetto del pensiero di molti, che lo avevano etichettato cattolico come da tradizione irlandese, McGregor parlò in questi termini dell’argomento.

Fan**lo la politica e la religione.

Sotto questa croce alata si distende poi una lunga spirale di spine che attraversa verticalmente tutta la schiena. Il significato di questo disegno è al momento sconosciuto.

Embed from Getty Images

Il gorilla sul petto

Sul petto troviamo quello più d’impatto, un enorme gorilla che indossa una corona e tiene in bocca un cuoreSi tratta di una rivisitazione del simbolo della palestra del suo allenatore John Kavangah, la “Straight Blast Gym”. L’irlandese ne ha parlato in questi termini:

Mi piace il suo aspetto.

Embed from Getty Images

L’avambraccio sinistro: rose, pugnali… e un motto

Il suo avambraccio sinistro è coperto all’esterno da un cespuglio di rose con un orologio che segna le ore 3.35 (non si sa se l’orario abbia un significato particolare) e un pugnale. A fianco, verso il gomito, c’è anche una piccola figura stilizzata in posa da boxeur, molto simile al leprechaun di Notre Dame, la mascotte degli sport da combattimento irlandesi dell’Università di Notre Dame (USA).

Embed from Getty Images

Nella parte interna, invece, il tatuaggio è completato da un signore che indossa un cappello a cilindro. L’ultimo arricchimento del suo avambraccio (almeno fino a oggi) è infine rappresentato dal motto tipico della marina militare “slow is smooth, smooth is fast” (trad. “lento significa senza intoppi, senza intoppi significa veloce”).

La tigre sull’addome

Per quanto riguarda l’enorme tigre sul suo addome, la leggenda narra che durante una sua vacanza a Venezia, McGregor se la sia fatta disegnare per un capriccio:

Ho detto fanc**o, vado a farmi una tigre… Penso che sia un animale coraggioso.

L’irlandese non ha mai negato di essere affascinato dal modo in cui gli animali si muovono e di aver preso a volte ispirazione nei suoi allenamenti, studiando il modo in cui cacciano le loro prede. La testa della tigre è completata poi da due scritte che non richiedono ulteriori spiegazioni: McGregor in alto e Notorious in basso.

Embed from Getty Images

Il suo nome e il suo nickname

Nei mesi successivi, Conor McGregor ha arricchito il tatuaggio ‘felino’ aggiungendo il suo nome e il suo soprannome, ‘Notorious’.

Per concludere: qual è il rapporto di Conor McGregor con i tatuaggi? Lo ha spiegato benissimo lo stesso fighter irlandese qualche tempo fa:

Sento persone con un pesce rosso tatuato su una chiappa, dire che è un simbolo di speranza. O cose del genere. A me semplicemente piace come un tatuaggio sta sul mio corpo. Non passo mesi a sceglierlo, lo vedo, mi convincoo e mi godo l’esperienza di essere tatuato per il resto della mia vita. Non c’è altro.

Serie C, avanti Catania e Novara nei Play-off

Mondiali Volley Italia: la generazione di fenomenti

La generazione di fenomeni del volley: i 3 Mondiali consecutivi vinti dall’Italia