Tyson spinge per un McGregor vs Mayweather II

Il ring riappare all’orizzonte di Conor McGregor, e di nuovo con Floyd Mayweather come protagonista dopo il match ultra milionario cui hanno dato entrambi vita nell’agosto 2017, con la vittoria per l’americano per KO tecnico. Il responsabile del “rilancio” di questa rivincita è stata un’altra delle grandi leggende della boxe, l’americano Mike Tyson, che nelle ultime settimane si sta preparando per il suo ritorno sul ring per aiutare le cause benefiche.

Embed from Getty Images

In un episodio del suo podcast di Hotboxing con il combattente UFC Francis Ngannou , il dibattito su quale combattente avrebbe fatto meglio in un ring di pugilato è venuto sulla scena, a cui Tyson ha risposto con enfasi.

Fratellino, come si chiama, Conor McGregor. Non è uno spettacolo, è l’unico che merita rispetto. Non ha mai avuto un match di boxe professionale in vita sua e ha resistito per dieci round con il miglior pugile negli ultimi anni. 100 anni. Aveva 10 round, colpendo il più grande combattente degli ultimi cento anni. Nel tuo primo combattimento, resistere a 10 round con il campione più grande è come se tu fossi il vincitore del combattimento. Avrebbe dovuto resistere uno o due round.

Tyson spinge per un McGregor vs Mayweather II

Le parole di Tyson hanno raggiunto McGregor, che attraverso i social network ha ringraziato le dichiarazioni di “Iron Mike” promettendogli una vittoria contro Mayweather. 

Grazie Mike, e solo per l’inevitabile rivincita, con la mia conoscenza dello stile di boxe di Floyd, oltre alla tutela del mio allenatore di boxe della vecchia scuola, risolverò l’enigma e batterò Floyd. Lo prometto. È bello rivederti Iron Mike.

Non resta che aspettare di vedere se McGregor cercherà davvero di mantenere la promessa che ha fatto a Tyson. E soprattutto se Pretty Boy Floyd accetterà di lasciare di nuovo il ritiro per rimettersi i guantoni da boxe. In teoria un’apertura l’ha già data proprio negli ultimi giorni, a patto che vengano messi sul piatto tanti tanti milioni. E a quel punto chissà, magari una rivincita si potrà davvero fare.

Auguri Italia, 110 anni di Nazionale

Serie A, Spadafora: “Disposti a rivedere le norme”