UFC 249, sabato Ferguson vs Gaethje

L’ UFC tornerà questo sabato in Florida con l’appuntamento con UFC 249, in cui sarà in palio il titolo ad interim dei pesi leggeri tra Tony Ferguson e Justin Gaethje .

Ferguson, che ha accumulato dodici vittorie consecutive, avrebbe dovuto affrontare Khabib Nurmagomedov a Brooklyn il 18 aprile, ma la pandemia del coronavirus ha portato ovviamente alla sospensione di questo incontro. Quindi adesso è Gaethje nel mirino di un Ferguson che cercherà di mantenere la sua striscia positiva.

Il combattimento avrà luogo questo sabato, con rigide misure di sicurezza. La più importante ed evidente sarà l’assenza di pubblico. Anche senza questa componente fondamentale per lo show, l’UFC ha deciso tuttavia di anticipare il ritorno alle competizioni sportive, dal momento che ha pensato che questa situazione possa rappresentare un’opportunità di mercato per l’organizzazione.

Embed from Getty Images

UFC 249, sabato si torna nella gabbia

Il vincitore del match di sabato potrebbe poi confrontarsi nel prossimo futuro con Nurmagomedov. In ogni caso l’attenzione per ora è sull’incontro in programma questo weekend. Ferguson ha sottolineato di non prendere l’appuntamento alla leggera solo perché c’è in palio un titolo ad interim:

Combatteremo come se fosse un titolo vero.

E Gaethje non vede l’ora di affrontare Ferguson:

Tony è il miglior avversario che ci sia per poter tirare fuori il meglio di me. È il compendio di un atleta UFC.

Durante la conference call di presentazione dell’evento, Gaethje ha poi continuato la sua analisi del match, con una considerazione sull’essere un atleta UFC:

Dopo aver vinto contro James Vick (13-5), ho detto che avrei voluto affrontarlo quanto prima. Siamo due persone speciali, che si sentono a proprio agio quando l’adrenalina prende il controllo del nostro corpo. Trovarsi in una situazione in cui si oscilla tra la vita e la morte è una sensazione bellissima, non c’è niente di paragonabile. La sensazione che si prova è la migliore della Terra. Siamo tutti due fottuti pazzi.

Ligue 1, il Lione fa ricorso: “Giochiamo”

K-League, riparte torneo in Corea del Sud