C’è l’ok, UFC e boxe tornano in Nevada

Le arti marziali miste e la boxe sono tornate in attività nel Nevada. La Nevada Athletic Commission ha concordato all’unanimità mercoledì di consentire due eventi UFC e due spettacoli di boxe di alto livello a Las Vegas nelle prossime due settimane.

La decisione pone fine alla moratoria sugli sport da combattimento che è in atto in Nevada dal 14 marzo. Quando la commissione ha interrotto la competizione in mezzo alla pandemia di coronavirus.

L’UFC ha immediatamente confermato i suoi piani per mettere in scena uno spettacolo senza i fan sabato sera all’arena UFC Apex. È il suo vasto complesso aziendale a Las Vegas. A seguire poi lo spettacolo pay-per-view UFC 250 nello stesso luogo il 6 giugno.

Embed from Getty Images

Anche Top Rank dovrebbe tenere spettacoli di boxe a porte chiuse al MGM Grand il 9 giugno e l’11 giugno. Citando l’importanza dello sport per l’economia e il morale dello stato, il Governatore del Nevada Steve Sisolak ha annunciato martedì sera che gli eventi sportivi potrebbero tornare se i promotori seguissero le norme sanitarie approvate dalle autorità competenti.

UFC e boxe tornano in California

La commissione ha approvato mercoledì scorso rigidi protocolli di sicurezza per il coronavirus al fine di accompagnare il ritorno degli sport da combattimento nella loro città natale. UFC e Top Rank hanno lavorato a stretto contatto con la commissione nelle ultime settimane per creare i protocolli, secondo Bob Bennett, direttore esecutivo della commissione.

Durante tutto questo processo, abbiamo lavorato fianco a fianco con l’UFC. Sono a conoscenza del loro piano operativo e tutto procede bene in relazione ai nostri protocolli.

L’UFC ha stabilito un progetto parziale per le regole di sicurezza quando ha organizzato tre spettacoli a Jacksonville, in Florida, all’inizio di questo mese, in attesa di ottenere l’approvazione dalla commissione del Nevada per tornare alla sua città natale.

Embed from Getty Images

I protocolli di sicurezza della commissione del Nevada includono test immediati e quarantena obbligatoria in un hotel all’arrivo di tutti i partecipanti a Las Vegas, seguita da un altro periodo di test e isolamento prima degli eventi.

L’UFC dovrebbe mettere in scena diverse card nazionali a Las Vegas nelle prossime settimane e il presidente UFC Dana White intende ancora tenere altri spettacoli su un’isola privata per combattenti non residenti negli Stati Uniti.

I protocolli di sicurezza

White ha dichiarato che gli eventi a Jacksonville includono oltre 1.110 test elaborati per COVID-19. Il combattente veterano Jacare Souza e due dei suoi cornermen sono risultati positivi prima del primo evento in Florida. Ma non sono stati riportati altri test positivi.

Lo spettacolo UFC sabato sarà presieduto dall’ex campione dei pesi welter Tyron Woodley che affronterà Gilbert Burns.

L’evento principale di UFC 250 il 6 giugno. Questo vedrà la campionessa dominante di due divisioni Amanda Nunes che difende la sua cintura leggera contro la sfidante canadese Felicia Spencer. UFC 250 inizialmente era programmato per il 9 maggio nel Brasile nativo di Nunes, ma poi rinviato.

Karsdorp: “Voglio tornare alla Roma”

Nba, Pippen: “Kobe Bryant più forte di Jordan”