UFC: Stipe Miocic e Francis Ngannou chiamano in causa Tyson Fury!

La vittoria di Tyson Fury su Deontay Wilder ha scosso anche il mondo delle MMA, in particolare quello UFC.

Sì perché se sono stati in tantissimi, nel mondo della boxe, a sorprendersi e a congratularsi per la vittoria del Gipsy King sul Bronze Bomber, sono stati altrettanti i fighter della promotion più importante al mondo nel settore delle mixed martial arts a tirare – nuovamente – in causa il pugile inglese. D’altronde non sarebbe neanche una ipotesi campata in aria, considerato come lo stesso abbia cominciato ad allenarsi con il suo connazionale ed ex contendente al titolo pesi welter UFC Darren Till.

View this post on Instagram

Working some elbows and knees,😉

A post shared by Tyson Fury (@gypsyking101) on

Adesso, però, le cose potrebbero farsi decisamente più serie: da capire ovviamente se Francis Ngannou e Stipe Miocic sarebbero disposti ad affrontare Fury sul ring – cosa improbabile, anzi improbabilissima – o più logicamente nella gabbia. In entrambi i casi, comunque, sarebbe un confronto decisamente impari data la mancata conoscenza delle nozioni basilari di wrestling, BJJ e kickboxing o muay thai del Gipsy King e la poca malizia nella boxe professionistica di Miocic e The Predator, che pur vantando ambedue mani pesanti e una buona base pugilistica – soprattutto nel caso del campione dei massimi UFC – si troverebbero lontani anni luce dalla sapienza tecnica e dall’esperienza sul ring di Fury.

Però i callout ci sono stati, e quindi è lecito e doveroso parlarne: si passa dal modesto ma serioso Ngannou, che dice su Twitter: “Fury, facciamolo accadere”. Più simpatico e ironico il buon Miocic, che dice – citiamo testuali parole – che: “Sarebbe un piacere cantare Sweet Carolina sul ring“. Quest’ultima chiamata, a dirla tutta, sembra davvero essere più pugilistica che legata alle MMA, campo questo che pare comunque interessare ad un Fury che ha recentemente aperto anche al pro-wrestling con l’incontro con Braun Strowman a Crown Jewel, evento tenutosi ad Hallowen 2019 al King Saud University Stadium di Riad, in Arabia Saudita. Un PPV, questo, che ha visto anche un po’ di UFC al suo interno con la contesa tra Brock Lesnar e Cain Velasquez che ha scatenato un effetto operazione nostalgia in tutti i fan delle mixed martial arts recenti, che ricordano ancora la sfida valida per la cintura pesi massimi della promotion più importante al mondo.

UFC: i piani per il futuro di Miocic e Ngannou

Stipe Miocic che, salvo sorprese, chiuderà la trilogia con Daniel Cormier in quello che sarà anche il match di ritiro – o almeno, queste sembrano le volontà manifestate nei mesi scorsi – di quest’ultimo. Ad attendere al varco, poi, ci sarà Francis Ngannou, che resta comunque il primo contendente al titolo già adesso ma che affronterà, nel frattempo, Jairzinho Rozenstruik il 28 marzo prossimo a UFC Columbus.

View this post on Instagram

Let's make it happen #NgannouFury . #wilderfury2

A post shared by Francis Ngannou (@francisngannou) on

Il nuovo quiz sulla Juventus

Il nuovo quiz sulla Juventus

Logo Inter

Maglie Inter 2020/2021: svelate tutte e tre le divise