Formula 1, Lewis Hamilton e Mick Schumacher
Formula 1, Lewis Hamilton e Mick Schumacher

Hamilton: “Il 7° Mondiale? Meglio la battaglia al di fuori”

Nella conferenza stampa alla vigilia del GP di Turchia, gara che potrebbe laurearlo campione del Mondo per la settima volta, Lewis Hamilton ha spiegato che per lui conti molto di più altro. Il riferimento è chiaramente alla sua battaglia portata avanti per combattere il razzismo, una sua vera e propria missione portata avanti in modo ancora più approfondito negli ultimi mesi.

Quello che faccio in pista e le battaglie fuori dalla pista contro il razzismo e le disuguaglianze non sono situazioni che possono essere paragonate.

Embed from Getty Images

Hamilton: “Il 7° Mondiale? Meglio la battaglia al di fuori”

Hamilton ha poi argomentato in modo più approfondito il ragionamento, spiegando che il suo lavoro lontano dalle piste di Formula 1 sia decisamente più profondo rispetto alle vittorie:

Quello che faccio in pista è qualcosa di personale – ha aggiunto Hamilton – e individuale. Nel senso che lotti sicuramente contro avversari molto forti, però il pilota è e resta uno solo e questo non ha necessariamente un impatto sulla vita degli altri. Mentre è un problema molto più grande e un qualcosa di cui vado molto più fiero il lavoro che faccio al di fuori dei circuiti per cercare di migliorare le condizioni di tutta la popolazione del mondo.

Juventus, il comunicato

Juventus, il comunicato su Chiesa, Dybala e Chiellini

Bolivia, arrestato presidente federcalcio

Bolivia, arrestato presidente durante partita nazionale