WRC, l’albo d’oro del mondiale piloti e costruttori di rally

Non solo velocità e adrenalina. Il WRC è anche tradizione. Tutto iniziò nel 1970, quando venne instituito un campionato internazionale che riguardava unicamente i costruttori, che tre anni più tardi cambiò nome in Campionato del mondo rally. Ma solo nella stagione 1977 fu assegnato un riconoscimento ai piloti e, a partire dal 1979, si decise di inserire un vero e proprio Campionato Mondiale. Ripercorriamo la storia del WRC, partendo dalle origini del 1970 arrivando all’ultimo titolo, vinto nel 2019 dalla Toyota.

Mondiale piloti

Anni ’70: l’inizio del mito

Nel 1977 si decide di assegnare un titolo anche ai piloti, ma ancora non esisteva il campionato del mondo. Allora gli organizzatori optano per la Coppa FIA al primo classificato: il primo anno ad aggiudicarsi il trofeo è l’italiano Sandro Munari alla guida della sua Lancia Stratos, mentre il secondo è il finlandese Markku Alen (Fiat 131 Abarth Rally). Solo nel 1979 si sceglie di istituire un mondiale per il piloti e la prima edizione va a uno svedese: si tratta di Biörn Waldegård (Ford Escort RS1800). Ecco l’elenco dei piloti e delle macchine vincitori negli anni ’70:

  • 1977 – Sandro Munari (ITA) – Lancia Stratos
  • 1978 – Markku Alén (FIN) – Fiat 131 Abarth Rally
  • 1979 – Björn Waldegård (SVE) – Ford Escort RS1800

Embed from Getty Images

Anni ’80: dominio nordico e orgoglio italiano

Nei primi anni sono i piloti del nord Europa a mettersi in evidenza. Vince per due volte il tedesco Walter Röhrl (1980-1982), nel mezzo il successo del finlandese Ari Vatanen. Dopodiché Mikkola, Blomqvist e Salonen. Per la prima doppietta della storia bisogna arrivare ai campionati 1986/1987, dominati da Juha Kankkunen (Peugeot 205 e Lancia Delta). Gli anni ’80 si chiudono con un altro bis, stavolta col tricolore italiano: merito di Miki Biasion e della sua Lancia Delta Integrale. Ecco i piloti vincitori negli anni ’80 e le loro macchine:

  • 1980 – Walter Röhrl (GER) – Opel Ascona 400
  • 1981 – Ari Vatanen (FIN) – Ford Escort RS1800
  • 1982 – Walter Röhrl (GER) – Opel Ascona 400
  • 1983 – Hannu Mikkola (FIN) – Audi quattro A1 e A2
  • 1984 – Stig Blomqvist (SVE) – Audi quattro A2
  • 1985 – Timo Salonen (FIN) – Peugeot 205 Turbo 16
  • 1986 – Juha Kankkunen (FIN) – Peugeot 205 Turbo 16
  • 1987 – Juha Kankkunen (FIN) – Lancia Delta HF 4WD
  • 1988 – Miki Biasion (ITA) – Lancia Delta Integrale
  • 1989 – Miki Biasion (ITA) – Lancia Delta Integrale

Embed from Getty Images

Anni ’90: egemonia finlandese

Si parte con Carlos Sainz su Toyota (Celica GT-Four), il primo e unico spagnolo che riesce a salire sul tetto del mondo. Appassionante il duello con Juha Kankkunen che si aggiudica le edizioni del 1991 e 1993, la risposta di Sainz arriva nel 1992. Grazie al dominio Toyota anche il francese Didier Auriol si toglie la soddisfazione di vincere un mondiale. L’anno successivo tocca al britannico Colin McRae, stavolta alla guida di una Subaru Impreza. E a proposito di Giappone, dal 1996 il binomio con la Finlandia porta al poker firmato da Tommi Mäkinen: la Mitsubishi Lancer Evolution vince un solo titolo costruttori, ma regalata al pilota scandinavo la striscia di successi più lunga della storia del WRC (almeno fino a quel momento). Ecco i piloti vincitori degli anni ’90:

  • 1990 – Carlos Sainz (SPA) – Toyota Celica GT-Four
  • 1991 – Juha Kankkunen (FIN) – Lancia Delta Integrale
  • 1992 – Carlos Sainz (SPA) – Toyota Celica Turbo 4WD
  • 1993 – Juha Kankkunen (FIN) – Toyota Celica Turbo 4WD
  • 1994 – Didier Auriol (FRA) – Toyota Celica Turbo 4WD
  • 1995 – Colin McRae (GBR) – Subaru Impreza 555
  • 1996 – Tommi Mäkinen (FIN) – Mitsubishi Lancer Evolution
  • 1997 – Tommi Mäkinen (FIN) – Mitsubishi Lancer Evolution
  • 1998 – Tommi Mäkinen (FIN) – Mitsubishi Lancer Evolution
  • 1999 – Tommi Mäkinen (FIN) – Mitsubishi Lancer Evolution

Embed from Getty Images

Anni ’00: vive la France!, da Loeb a Ogier

La Finlandia continua a sfornare campioni del mondo: Marcus Grönholm trionfa nel 2000 e nel 2002, lasciando al britannico Richard Burns il titolo in mezzo. Tra i Paesi scandinavi mancava solo la Norvegia all’appello, ma con il succedo del 2003 di Petter Solberg il cerchio si chiude. E definitivamente. Dalla stagione successiva, infatti, inizia il dominio francese. A portarlo avanti è Sebastien Loeb: 9 mondiali consecutivi (2004-2012), sempre a bordo alla guida di una Citroen – dalla Xsara alla DS3 passando per la C4. Negli ultimi 6 anni lo scettro è passato a un altro transalpino: stiamo parlando di Sebastien Ogier. Stesso nome, stessa fame di vittorie. Ma stavolta a bordo di una tedesca prima, la Volkswagen Polo R, e di una Ford Fiesta poi. Un dominio interrotto nell’ultima stagione dall’estone Ott Tänak. Ecco i piloti vincitori dei mondiali degli anni 2000: 

  • 2000 – Marcus Grönholm (FIN) – Peugeot 206 WRC
  • 2001 – Richard Burns (GBR) – Subaru Impreza WRC
  • 2002 – Marcus Grönholm (FIN) – Peugeot 206 WRC
  • 2003 – Petter Solberg (NOR) – Subaru Impreza WRC
  • 2004 – Sébastien Loeb (FRA) – Citroën Xsara WRC
  • 2005 – Sébastien Loeb (FRA) – Citroën Xsara WRC
  • 2006 – Sébastien Loeb (FRA) – Citroën Xsara WRC
  • 2007 – Sébastien Loeb (FRA) – Citroën C4 WRC
  • 2008 – Sébastien Loeb (FRA) – Citroën C4 WRC
  • 2009 – Sébastien Loeb (FRA) – Citroën C4 WRC
  • 2010 – Sébastien Loeb (FRA) – Citroën C4 WRC
  • 2011 – Sébastien Loeb (FRA) – Citroën DS3 WRC
  • 2012 – Sébastien Loeb (FRA) – Citroën DS3 WRC
  • 2013 – Sébastien Ogier (FRA) – Volkswagen Polo R WRC
  • 2014 – Sébastien Ogier (FRA) – Volkswagen Polo R WRC
  • 2015 – Sébastien Ogier (FRA) – Volkswagen Polo R WRC
  • 2016 – Sébastien Ogier (FRA) – Volkswagen Polo R WRC
  • 2017 – Sébastien Ogier (FRA) – Ford Fiesta WRC
  • 2018 – Sébastien Ogier (FRA) – Ford Fiesta WRC
  • 2019 – Ott Tänak (EST) – Toyota Yaris WRC

Albo d’oro campionato del mondo piloti WRC aggiornato al 2019

Sebastien Loeb (FRA) | 9 titoli | 2004, 2005, 2006, 2007, 2008, 2009, 2010, 2011, 2012
Sebastien Ogier (FRA) | 6 titoli | 2013, 2014, 2015, 2016, 2017, 2018
Juha Kankkunen (FIN) | 4 titoli | 1986, 1987, 1991, 1993
Tommi Mäkinen (FIN) | 4 titoli | 1996, 1997, 1998, 1999
Walter Röhrl (GER) | 2 titoli | 1980, 1982
Miki Biasion (ITA) | 2 titoli | 1988, 1989
Carlos Sainz (SPA) | 2 titoli | 1990, 1992
Marcus Grönholm | 2 titoli | 2000, 2002
Sandro Munari | 1 titolo | 1977
Markku Alen | 1 titolo | 1978
Björn Walfegård | 1 titolo | 1979
Ari Vatanen | 1 titolo | 1981
Hannu Mikkola | 1 titolo | 1983
Stim Blomqvist | 1 titolo | 1984
Timo Salonen | 1 titolo | 1985
Didier Auriol | 1 titolo | 1994
Colin McRae | 1 titolo |  1995
Richard Burns | 1 titolo |  2001
Petter Solberg | 1 titolo |  2003
Ott Tänak | 1 titolo |  2019

Mondiale costruttori

Per i primi tre anni prende il nome di Campionato Internazionale Costruttori, unica categoria che assegna un titolo (almeno fino al 1977). L’edizione d’apertura, quella del 1970, va alla Porsche 911 Coupé. Dopo la casa tedesca, trionfano una francese e un’italiana: prima la Alpine-Renault, poi la Lancia Fulvia.

  • 1970 – Porsche (GER) – Porsche 911 S Coupé
  • 1971 – Alpine-Renault (FRA) – Alpine-Renault A110 1600
  • 1972 – Lancia (ITA) – Lancia Fulvia Coupé HF

A partire dal 1973 diventa Campionato del Mondo Costruttori e ad aggiudicarselo è nuovamente l’Alpine-Renault. Nei successivi sette anni, l’Italia conquista sei titoli: Lancia e Fiat si portano a casa 3 mondiali a testa, merito della Stratos e della 131 Abarth. Da sottolineare anche il primo successo della Ford (1979) e della anglo-francese Talbot (1981). Germania e Francia rispondono con due titoli ciascuna: l’Audi quattro e la Peugeot 205 dominano tra il 1982 e il 1986.

  • 1973 – Alpine-Renault (FRA) – Alpine-Renault A110 1800
  • 1974 – Lancia (ITA) – Lancia Stratos
  • 1975 – Lancia (ITA) – Lancia Stratos
  • 1976 – Lancia (ITA) – Lancia Stratos
  • 1977 – Fiat (ITA) – Fiat 131 Abarth Rally
  • 1978 – Fiat (ITA) – Fiat 131 Abarth Rally
  • 1979 – Ford (USA) – Ford Escort RS1800
  • 1980 – Fiat (ITA) – Fiat 131 Abarth Rally
  • 1981 – Talbot (GBR) – Talbot Sunbeam Lotus
  • 1982 – Audi (GER) – Audi quattro
  • 1983 – Lancia (ITA) – Lancia Rally 037
  • 1984 – Audi (GER) – Audi quattro A2
  • 1985 – Peugeot (FRA) – Peugeot 205 Turbo 16
  • 1986 – Peugeot (FRA) – Peugeot 205 Turbo 16
  • 1987 – Lancia (ITA) – Lancia Delta HF 4WD
  • 1988 – Lancia (ITA) – Lancia Delta Integrale
  • 1989 – Lancia (ITA) – Lancia Delta Integrale

Dall’anno successivo inizia la striscia di successi più lunga della storia WRC a livello costruttori: la Lancia Delta Integrale sbaraglia la concorrenza e si aggiudica 6 mondiali consecutivi, di cui 4 anche a livello pilori (Kankkunen e Biasion). Terminato il ciclo italiano, arriva l’invasione giapponese: Toyota Celica, Subaru Impreza e Mitsubishi Lancer Evo si prendono la scena fino alla fine degli anni ’90.

  • 1990 – Lancia (ITA) – Lancia Delta Integrale
  • 1991 – Lancia (ITA) – Lancia Delta Integrale
  • 1992 – Lancia (ITA) – Lancia Delta Integrale
  • 1993 – Toyota (GIA) – Toyota Celica Turbo 4WD
  • 1994 – Toyota (GIA) – Toyota Celica Turbo 4WD
  • 1995 – Subaru (GIA) – Subaru Impreza 555
  • 1996 – Subaru (GIA) – Subaru Impreza 555
  • 1997 – Subaru (GIA) – Subaru Impreza WRC
  • 1998 – Mitsubishi (GIA) – Mitsubishi Lancer Evolution
  • 1999 – Toyota (GIA) – Toyota Corolla WRC

Così come per i piloti, il nuovo millennio si caratterizza per il dominio francese. Prima la Peugeot 206, poi la Citroen con i suoi tre gioielli: Xsara, C4 e DS3. A interrompere questo lungo monopolio ci pensa la Ford Focus, che sia porta a casa le edizioni del 2006 e 2007. Mentre nelle ultime stagioni, complice lo strapotere di Sebastien Ogier, la Volkswagen ha trionfato per 4 anni consecutivi.

  • 2000 – Peugeot (FRA) – Peugeot 206 WRC
  • 2001 – Peugeot (FRA) – Peugeot 206 WRC
  • 2002 – Peugeot (FRA) – Peugeot 206 WRC
  • 2003 – Citroën (FRA) – Citroën Xsara WRC
  • 2004 – Citroën (FRA) – Citroën Xsara WRC
  • 2005 – Citroën (FRA) – Citroën Xsara WRC
  • 2006 – Ford (GBR) – Ford Focus WRC
  • 2007 – Ford (GBR) – Ford Focus WRC
  • 2008 – Citroën (FRA) – Citroën C4 WRC
  • 2009 – Citroën (FRA) – Citroën C4 WRC
  • 2010 – Citroën (FRA) – Citroën C4 WRC
  • 2011 – Citroën (FRA) – Citroën DS3 WRC
  • 2012 – Citroën (FRA) – Citroën DS3 WRC
  • 2013 – Volkswagen (GER) – Volkswagen Polo R WRC
  • 2014 – Volkswagen (GER) – Volkswagen Polo R WRC
  • 2015 – Volkswagen (GER) – Volkswagen Polo R WRC
  • 2016 – Volkswagen (GER) – Volkswagen Polo R WRC
  • 2017 – M-Sport (GBR) – Ford Fiesta WRC
  • 2018 – Toyota (GIA) – Toyota Yaris WRC
  • 2019 – Toyota (GIA) – Toyota Yaris WR

Albo d’oro campionato del mondo costruttori WRC aggiornato al 2019

Ecco l’albo d’oro del campionato mondiale dei costruttori, dagli anni ’70 al 2019: 

  • Lancia | 11 titoli | 1972, 1974, 1975, 1976, 1983, 1987, 1988, 1989, 1990, 1991, 1992
  • Citroën | 8 titoli | 2003, 2004, 2005, 2008, 2009, 2010, 2011, 2012
  • Peugeot | 5 titoli | 1985, 1986, 2000, 2001, 2002
  • Toyota | 5 titoli | 1993, 1994, 1999, 2018, 2019
  • Volkswagen | 4 titoli | 2013, 2014, 2015, 2016
  • Ford | 3 titoli | 1979, 2006, 2007
  • Subaru | 3 titoli | 1995, 1996, 1997
  • Fiat | 3 titoli | 1977, 1978, 1980
  • Audi | 2 titoli | 1982, 1984
  • Alpine-Renault | 2 titoli | 1971, 1973
  • Porsche |1 titolo | 1970
  • Talbot |1 titolo | 1981
  • Mitsubishi |1 titolo | 1998
  • M-Sport | 1 titolo | 2017

Mayweather paga i funerali di George Floyd

“Il Real Madrid non giocherà al Bernabeu”