marcello lippi 2
marcello lippi 2

Italia, Lippi: “Un mio ritorno come ct? Non ho ricevuto chiamate”

Marcello Lippi, ex ct della Nazionale, è intervenuto ai microfoni di Radio Anch’Io Sport su Radio1:

Non torno, ho deciso di smettere dopo la Cina. Non ho ricevuto alcuna chiamata, ma anche l’avessi ricevuta avrei rifiutato.

L’ex commissario tecnico ha proseguito:

L’Europeo è comunque tanta roba, averlo vinto è stato molto importante. Non sono d’accordo quando si dice che ci sono tanti stranieri: in passato, con tanti stranieri, nascevano i Totti, i Del Piero e i Montella… Tutta gente di grande qualità. Non ci sono tantissimi giocatori ma ce ne sono. Barella e Tonali, ad esempio, sono due su cui costruire la squadra. E’ possibile che stiamo ancora fuori dal Mondiale, dopo il Brasile siamo quelli che abbiamo vinto più titoli nella storia del calcio. Accettiamo quello che sta succedendo con buona fiducia per il futuro.

Embed from Getty Images

Italia, Lippi: “Un mio ritorno come ct? Non ho ricevuto chiamate”

Infine sulla Champions League, Lippi ha dichiarato:

Come favorita, di botto, mi viene il City, ma il Real Madrid ha un fenomeno in panchina come Ancelotti per conoscenza tattica e per la capacità di creare i rapporti con i giocatori. La sua vera grande dote è entrare nella testa dei grandi giocatori a mettersi a disposizione della squadra. Lui l’ha sempre avuta e non è escluso che possa farcela anche quest’anno. Dovessi però fare una previsione, direi che assisteremo ad una finale tra le due inglesi.

Roma, Abraham: “Adoro questo club, voglio la Conference League”

Nba, Gobert multato per parolacce dette nell’intervista