Faiq Bolkiah il calciatore più ricco del mondo

Che fine ha fatto Faiq Bolkiah, il calciatore più ricco al mondo?

Se sia o no il campionato più bello o più difficile al mondo è materia di discussione per appassionati, ma certo è che riuscire a giocare nella Premier League inglese è l’ambizione della stragrande maggioranza dei tantissimi ragazzi che sognano un giorno di diventare calciatori professionisti.

Un sogno che era anche quello di Faiq Bolkiah, giovanissimo di belle speranze con un passato nelle giovanili di Southampton, Arsenal e Chelsea che nella primavera del 2016 aveva fatto parlare di sé per essersi trasferito al Leicester City che allenato da Claudio Ranieri e contro ogni pronostico si avviava a vincere una memorabile edizione della Premier League.

A lui, allora quasi 18enne, i media si erano dedicati per una ragione: Faiq Bolkiah è infatti il figlio di Jefri Bolkiah, Principe del Brunei, e nipote del Sultano del Brunei Hassanal Bolkiah, uno degli uomini più ricchi del pianeta. Questo lo rendeva senza ombra di dubbio “il calciatore più ricco al mondo”, più dei tanto celebrati Cristiano Ronaldo e Lionel Messi, idoli celebrati da milioni di tifosi.

Premier League, dov’è finito Faiq Bolkiah?

La sfida del giovane Faiq Bolkiah era ambiziosa: farsi prendere sul serio dal mondo del calcio, colpire gli allenatori fino a esordire in Premier League, primo calciatore nella calcisticamente misera storia del Brunei a riuscire nell’impresa di giocare come professionista in Europa, per giunta in uno dei campionati più competitivi e seguiti al mondo.

Attaccante esterno abile a giocare su entrambe le fasce, in possesso anche del passaporto statunitense essendo nato a Los Angeles, Faiq Bolkiah è senza alcun dubbio un talento precoce per una Nazionale che è tra le più deboli al mondo e che basa gran parte della rosa sul DPMM FC, club intitolato e di proprietà dell’erede al trono Al-Muhtadee Billah e che nella sua storia ha partecipato ai campionati di Brunei, Malesia e Singapore.

Embed from Getty Images

I media si erano soffermati immediatamente sulla vita dispendiosa e sugli hobby eccentrici del calciatore più ricco al mondo: con un’eredità stimata in circa 20 miliardi di dollari, Faiq Bolkiah era stato capace di spendere in un mese oltre 30 milioni di dollari tra auto di lusso, orologi, ville e animali esotici addomesticati.

Difficile, del resto, soffermarsi sulle sue qualità tecniche: sicuramente dotato per gli standard bruneiti – anche e soprattutto per essersi misurato fin da adolescente con i campi inglesi – essendo in possesso sia del passaporto del Brunei che di quello degli Stati Uniti dov’è nato, è stato osservato dagli scout della Nazionale a stelle e strisce ma non ha mai avuto dubbi su quale bandiera avrebbe rappresentato. Quella degli Harimau Bintang, i “Leopardi”, con cui ha esordito 18enne in occasione della Suzuki Cup 2016.

Diventato immediatamente capitano, è poi andato a segno nella sconfitta 4-3 patita dai suoi contro il Laos e a oggi ha giocato 5 partite ufficiali più una lunga serie di amichevoli non riconosciute dalla FIFA contro ad esempio selezioni della polizia o dell’esercito reale. “Onori” che però non sono bastati a questa giovane ala, a quanto si dice dotata di buona corsa e discrete qualità tecniche e abile a giocare su entrambe le fasce, a centrare l’agognato traguardo dell’esordio tra i professionisti.

Anzi, dopo essere apparso – senza lasciare traccia – nel corso della stagione 2016/2017 nelle gare di Youth League giocate dalla squadra riserve del Leicester, dalla stagione seguente Faiq Bolkiah sembra essere letteralmente scomparso all’indomani della foto di rito, scattata a settembre, che lo ritrae insieme a quelli che forse oggi potrebbero non essere più i suoi compagni di squadra. Nessuna presenza, nessuna traccia, nessuno che sappia dire cos’è successo al calciatore più ricco al mondo. Anche sul suo profilo Instagram, inaugurato a quanto pare solo a inizio 2020, non ci sono che poche foto che lo ritraggono per lo più in abiti civili.

Avrà abbandonato il suo sogno di sfondare nel calcio europeo? Starà riflettendo sulla prossima mossa da fare o sul prossimo club in cui tentare di affermarsi? Nessuno conosce la risposta, per cui non resta che attendere: il calciatore più ricco al mondo, forse, potrebbe non essere mai stato un calciatore né diventarlo mai. Una delusione da cui, ne siamo sicuri, riuscirà a consolarsi.

Ronaldo Inter

Storie di sorpassi al fotofinish e campionati decisi all’ultima giornata

Jimmy Greaves

La storia di Jimmy Greaves: leggenda in Inghilterra, meteora al Milan