Quello che non sai su Paul Pogba

Paul Pogba è un centrocampista francese di proprietà del Manchester United. Cresciuto tra le fila dei Reds, si è affermato come calciatore nella Juventus, con cui ha vinto due scudetti.

Per i francesi è il degno erede di Platini e Zidane, per chi lo ha visto crescere nelle giovanili del Manchester United è invece “il nuovo Vieira”, per il suo procuratore Mino Raiola è prima un Dalì, poi un Monet.

Lui, Paul Labile Pogba, ha abbastanza classe e carisma per vuole essere “solo” Paul Pogba, quel calciatore che nell’estate del 2016 è diventato il più pagato di sempre nella storia del calcio con il suo maxi trasferimento dalla Juventus al Manchester United per 105 milioni di euro più altri 5 di bonus, prima di essere superato da Neymer (pagato 222 milioni di euro – il valore della clausola rescissoria – dal PSG).

Paul Pogba: dove è nato, la sua carriera

Paul “Il Polpo” Pogba, nasce il 15 marzo 1993 da genitori originari della Guinea emigrati in Francia, a Lagny-sur-Marne, un paese di circa 20500 abitanti situato nel dipartimento di Seine-et-Marne, nella regione dell’île-de-France. È il più piccolo di tre fratelli, i gemelli Florentin e Mathias, anche loro calciatori così come lo zio materno Riva Touré, con un passato nella prima divisione guineana. In quella banlieue parigina, Paul comincia a giocare a pallone, da attaccante. A 6 anni fa parte dell’Us Roissy-en-Brie, poi passa all’Us Torcy e, infine, nel Le Havre. Da lì guadagna la convocazione nella Francia Under 16, selezione di cui è capitano.

Paul Pogba con la maglia della Francia da giovane

Non passa inosservato, insomma, così Sir Alex Ferguson lo prende nemmeno 17enne e se lo porta al Manchester United, lasciandolo crescere nel settore giovanile. Vince la Premier Academy League 2010 e la FA Youth Cup 2011: poi il 20 settembre 2011 esordisce in prima squadra. Sembra l’inizio di una storia d’amore con i Red Devils, ma il ritorno al calcio giocato di Paul Scholes nel gennaio 2012 su richiesta di Ferguson (dopo aver dato l’addio nel maggio precedente) è un’arma che viene sfruttata dal suo agente Mino Raiola per portarlo via: “Con Pogba – racconta Sir Alex – avevamo un contratto di tre anni, con un’opzione per il rinnovo per un’ulteriore stagione che eravamo pronti a firmare. Ma Raiola è improvvisamente apparso sulla scena e il nostro primo incontro fu un fiasco. Ci sono uno o due agenti che semplicemente non mi piacciono e uno di questi è lui. Ho cominciato a non avere fiducia in Raiola sin dal momento in cui l’ho conosciuto. Lui e io eravamo come l’olio e l’acqua. Si ingraziò Pogba e la sua famiglia e lui firmò con la Juventus”.

Il passaggio alla Juventus e il ritorno al Manchester United

Pogba alla Juventus

Così la Juve si limita a versare 300 mila euro di indennizzo ai Red Devils e il centrocampista di origini guineane arriva a Torino. Ha tutto: fisico, tecnica, visione di gioco, tiro, personalità, classe ed eleganza. Ma quella sua cresta bionda lascia pensare a un “bad boy” in stile Balotelli. Con il passare dei giorni (e degli allenamenti), però, a Torino si rendono subito conto di avere a che fare con un professionista modello. Al suo primo anno in bianconero Pogba vince lo scudetto, con 37 presenze e 5 reti tra campionato e coppe. Si toglie anche lo sfizio di alzare la coppa del Mundial Under 20 con la Francia, con tanto di premio come miglior giovane del torneo. In passato quel riconoscimento lo hanno vinto anche Maradona (1979) e Messi (2005).

L’anno successivo le presenze totali diventano 51 (nessun altro viene impiegato di più da Antonio Conte) e le reti 9. Al termine della stagione arriva un altro scudetto, il Pallone d’Oro come miglior Under 21 d’Europa e la convocazione per il Mondiale in Brasile, dove segna un gol e viene eletto miglior giovane del torneo, riconoscimento conferito in passato anche a Pelè. Nell’estate del 2014, a 21 anni, viene inserito per la prima volta nella lista dei 23 per il Pallone d’Oro e si piazza al 22esimo posto. Un anno dopo le sue quotazioni salgono fini a portarlo in 15esima posizione. Lui ne è entusiasta, ma allo stesso tempo ammette che il suo obiettivo sia quello di diventare “il giocatore più forte del mondo”. Alla fine se ne va dalla Juventus dopo 178 partite, 34 gol, 4 scudetti, 2 Coppe Italia e 3 Supercoppe italiane. Numeri da 105 milioni di euro. Più altri 5 di bonus.

Pogba e la nazionale francese: la vittoria del Mondiale in Russia nel 2018

Paul Pogba ha fatto tutta la trafila nelle selezioni della nazionale della Francia, a partire dall’Under 16, eccezion fatta per l’Under 21. Ha fatto il suo debutto con la nazionale maggiore il 22 marzo 2013 contro la Georgia, in una partita di qualificazione ai Mondiali. Nello stesso anno ha conquistato, da capitano, il Mondiale Under 20 in Turchia.

Nel 2018 ha conquistato il Mondiale in Russia, segnando anche un gol nella finale vinta per 4-2 contro la Croazia.

Quanto guadagna Paul Pogba: il suo stipendio

Paul Pogba ha firmato un contratto quinquennale di circa 16 milioni di euro a stagione (più eventuali bonus). In pratica, Pogba ha uno stipendio di circa 330mila euro a settimana. Il suo contratto con il Manchester United scade il 30 giugno 2021 (con l’opzione di rinnovo per un’altra stagione)

Il palmarès di Paul Pogba: tutti i trofei con Juventus, Manchester United e Francia

Italia

  • 3 Supercoppe italiane (Juventus: 2012, 2013, 2015)
  • 4 Campionati italiani (Juventus: 2012-2013, 2013-2014, 2014-2015, 2015-2016)
  • 2 Coppe Italia (Juventus: 2014-2015, 2015-2016)

Inghilterra

  • 1 Coppa di Lega inglese (Manchester Utd: 2016-2017)
  • 1 Europa League (Manchester Utd: 2016-2017)

Francia

  • 1 Campionato mondiale Under-20, Turchia 2013
  • 1 Campionato mondiale, Russia 2018

Il profilo: quanto è alto, quanto pesa e le caratteristiche di Paul Pogba

Paul Pogba è alto 191 centimetri, per un peso forma di 84 kg. Gioca indifferentemente sia con il piede destro che con quello sinistro.

Tutti gli infortuni di Paul Pogba

Il giocatore del Manchester United ha subito diversi infortuni in carriera, in particolar modo a far tribolare il centrocampista è la sua caviglia destra. Ecco di seguito tutti i suoi infortuni in carriera:

  • 19 marzo 2015, sovraccarico coscia sinistra – 49 giorni di stop
  • 8 ottobre 2015, distorsione caviglia sinistra – 7 giorni di stop
  • 16 marzo 2017, infortunio alla coscia sinistra – 18 giorni di stop
  • 14 settembre 2017, strappo muscolo femorale sinistro – 63 giorni di stop
  • 8 novembre 2018, infortunio muscolare – 13 giorni di stop
  • 1 settembre 2019, infortunio alla caviglia sinistra – 22 giorni di stop
  • 2 ottobre 2019, infortunio alla caviglia sinistra – 79 giorni di stop
  • 27 dicembre 2019, infortunio alla caviglia sinistra – 79 giorni di stop
  • 16 marzo 2020, ritardo di condizione – 15 giorni di stop

Calciomercato: quanto vale adesso Pogba?

Secondo quanto riportato dal sito specializzato Transfermarkt, il valore di mercato di Paul Pogba aggiornato a maggio 2020 è di 80 milioni di euro, in diminuzione rispetto alla stagione precedente, quando il prezzo del cartellino si aggirava intorno ai 100 milioni di euro.
Già prima dello stop dei campionati a causa dell’emergenza Covid-19 si sono fatte sempre più insistenti le voci di una potenziale offerta della Juventus nella sessione di calciomercato estiva.

Maria Zulay Salaues è la fidanzata di Paul Pogba

Paul Pogba è fidanzato con Maria Zulay Salaues, modella boliviana di 23 anni che è legata al centrocampista dall’estate del 2017. Maria Zulay Salaues ha seguito Pogba fino ai Mondiali 2018, dov’è stata immortalata sugli spalti con addosso la maglia numero 6 del suo fidanzato.

Pogba: i suoi profili social su Twitter, Instagram e Facebook

Paul Pogba è molto attivo sui social e può vantare:

View this post on Instagram

Ready for @premierleague ! 💪🏾 ⚽️

A post shared by Paul Labile Pogba (@paulpogba) on

FIFA 20: i valori di Paul Pogba

Nel gioco di simulazione calcistica di EA Sports FIFA 20, Paul Pogba ha un rating generale di 88, che lo porta a essere 31° nella classifica generale, prima di Edinson Cavani e appena dopo Christian Eriksen. Ecco i suoi valori principali:

  • Pace 74
  • Dribbling 85
  • Shoot 81
  • Passage 86
  • Defense 66
  • Physical 86

Pippo Inzaghi: “Con il Benevento siamo già promossi”

Quello che non sai su Ciro Immobile