Premier League, 344 milioni per il Newcastle

Nonostante la crisi economica mondiale sia in atto e coinvolga inevitabilmente anche quella dei club calcistici (compresi quelli di Premier League), questi non frenano le operazioni di acquisizione finanzaria; anzi, probabilmente la situazione può offrire occasioni di passaggi di mano con capitali esteri. Sembra essere questa l’indicazione che arriva dalla trattativa, in dirittura di arrivo, per la cessione del Newcastle, club del campionato inglese.

Secondo il Telegraph, il passaggio di mano per 300 milioni di sterline (344 milioni di euro), è già all’esame del campionato inglese.

L’acquirente è la finanziera britannica Amanda Staveley, ma i capitali sarebbero all’80 per cento del fondo sovrano saudita, voluto dal principe ereditario saudita Bin Salman per diversificare gli affari di Riad. Il coinvolgimento dell’Arabia Saudita in una trattativa che va avanti da tempo era già emerso mesi fa. Il caso internazionale scatenato dall’omicidio Kashoggi aveva però frenato la vicenda. Ora la cessione è in dirittura d’arrivo, unico effetto della crisi la riduzione della valutazione del Newcastle: da 340 a 300 milioni di sterline.

Embed from Getty Images

Premier League, il Newcastle e il taglio stipendi

Nel frattempo la Lega calcio inglese (English Football League) e l’Assocalciatori (Professional Footballers’ Association) vanno avanti nei loro dialoghi per trovare un’intesa sul taglio stipendi. La proposta è di arrivare a un massimo del 25% per il mese di aprile.

Un’intesa legata all’emergenza coronavirus e alla necessità di dare una mano ai club di Premier League per limitare i danni della crisi economica.

Un’indicazione, non un obbligo sottolinea la EFL in una nota nella quale spiega anche che continueranno le trattative tra le società e i rispettivi tesserati. Inoltre un gruppo di lavoro esaminerà la possibilità di trovare altre soluzioni o estendere l’accordo di aprile anche per i mesi di maggio e giugno. Il taglio del 25%, secondo quanto pattuito da EFL e PFA, non riguarderà gli ingaggi inferiori agli stipendi da 2.500 sterline mensili (circa 2800 euro) che verranno pagati integralmente.

Coronavirus, Trump: “Lo sport in Usa deve ripartire”

Italia-Germania, il dominio azzurro nei precedenti

Italia Germania 4-1: azzurri sconfitti una sola volta in gare ufficiali