Premier League, si partirà con gli stadi pieni e senza mascherina

L’Inghilterra continua a fare passi avanti nella sua uscita (presunta) dalla pandemia e oggi il suo primo ministro, Boris Johnson, ha annunciato che dal prossimo 19 luglio verranno eliminate praticamente tutte le restrizioni, Premier League compresa.

Cambieremo le restrizioni legali in base al fatto che ognuno prenda le proprie decisioni su come affrontare la pandemia

Ciò include, infatti, che gli stadi di calcio potranno riempire le loro tribune dall’inizio della prossima stagione, e lo faranno anche senza l’obbligo per i tifosi di indossare una maschera. Tutto sarà, come confermato da fonti governative, a discrezione dei proprietari degli spazi chiusi, cioè in questo caso di ciascun club ospitante dei match di Premier League.

Embed from Getty Images

Premier League, si partirà con gli stadi pieni e senza mascherina

Il Governo intende invece sostituire i limiti di capienza e le misure preventive con un maggior numero di test, anche se in nessun caso sarà richiesto per legge un passaporto Covid in cui si specificano i vaccini ricevuti, i risultati degli ultimi test o se la malattia sia stata precedentemente superata.

Se un’azienda, in questo caso una squadra di calcio di Premier League, decide di ordinarlo, sarà una loro decisione. Inoltre, con la scomparsa delle regole di distanziamento sociale, non sarà possibile impedire ai tifosi di abbracciarsi e festeggiare insieme i goal sugli spalti.

Nonostante tutto ciò debba essere confermato lunedì prossimo, cioè il 12 luglio, il tribunale parlamentare dovrebbe passare senza grossi problemi.

Euro 2020, Maguire: “La finale? Ora pensiamo solo alla Danimarca”

Euro 2020, Maguire: “La finale? Ora pensiamo solo alla Danimarca”

Barcellona, in Spagna assicurano: Messi resta. E arriva Aguero

Calciomercato Barcellona, Laporta su Messi: “Tutto procede bene”