Rashford, un dottorato per la sua campagna sulla povertà

L’attaccante del Manchester United Marcus Rashford riceverà un dottorato d’onore dall’Università di Manchester per la sua campagna contro la povertà infantile. Lo riferisce il club inglese, che sottolinea come l’attaccante di ventidue anni sarà il più giovane di sempre a ricevere un premio simile dall’università locale.

Embed from Getty Images

Rashford ha portato avanti una campagna che ha spinto il governo britannico a fornire buoni pasto gratuiti a circa 1,3 milioni di bambini durante le vacanze estive, quando tutte le scuole sono chiuse e le mense non avrebbero potuto garantire il cibo quotidiano a chi non si poteva permettere altro. Il lockdown ha acuito il problema.

Così il 19 marzo, il giorno precedente alla chiusura delle scuole, il giocatore del Manchester United scriveva così:

Ragazzi, in tutto il Regno Unito ci sono oltre 32.000 scuole.Domani chiuderanno tutte. Molti dei bambini che frequentano queste scuole fanno affidamento su pasti gratuiti, quindi ho passato gli ultimi giorni a parlare con le organizzazioni per capire come si può colmare questo deficit.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

‪An Open Letter to all MPs in Parliament…‬ ‪#maketheUturn ‬ ‪Please share and tag your local MPs

Un post condiviso da Marcus Rashford (@marcusrashford) in data:


Rashord premiato con un dottorato

Da quel momento sono stati raccolti quasi quattro milioni di pasti, distribuiti tramite l’organizzazione benefica “Fare Share” che si occupa di sprechi alimentari, e raccolti circa 27 milioni di euro di donazioni da destinare in aiuti alimentari ai più bisognosi, non solo bambini. La forte adesione ha portato poi il governo di Boris Johnson a concedere i buoni pasto in vista dell’estate. Oggi è arrivato il riconoscimento dell’Università di Manchester, il più alto che si possa conferire. Un gran bel premio per l’attaccante dei Red Devils:

Oggi è una giornata di orgoglio per me e la mia famiglia – ha commentato Rashford – Abbiamo ancora molta strada da fare nella lotta per combattere la povertà infantile in questo paese, ma ricevere il riconoscimento dalla tua città significa che stiamo andando nella giusta direzione e questo significa molto.

Gazidis: “Vogliamo riportare il Milan ai vertici d’Europa”

Brescia, Cellino incontra Delneri: ipotesi direttore tecnico