Juventus, Agnelli
Juventus, Agnelli

Agnelli replica a Spadafora: “Non abbiamo violato il protocollo”

Al termine dell’assemblea dei soci del club, il presidente della Juventus, Andrea Agnelli, ha replicato alle parole del ministro Spadafora sul rientro dal Portogallo di Cristiano Ronaldo.

Il politico ha accusato il club bianconero di aver violato il protocollo facendo entrare in Italia il portoghese, affetto da coronavirus:

Io applico il protocollo federale. Se poi uno viene preso a 150 chilometri all’ora dall’autovelox, io non so spiegarle perché l’autovelox era lì e perché funzionava. Bisogna chiederlo alle autorità competenti.

Embed from Getty Images

Agnelli replica a Spadafora: “Non abbiamo violato il protocollo”

Il presidente Agnelli ha poi proseguito il suo discorso approfondendo l’argomento:

Siamo entrati in bolla sabato e siamo andati in isolamento fiduciario. Non avendo competizioni da giocare, abbiamo lasciato liberi i giocatori di proseguirlo nel proprio domicilio. Non si sono rotte bolle, le nostre bolle sono resistenti. E i giocatori, quando le nazionali chiamano, ci tengono.

Agnelli ha infine concluso:

A marzo la Uefa ha spostato l’Europeo e creato le soluzioni per completare tutte le competizioni. Ad aprile si sapeva che la Uefa voleva riprendere le competizioni per le nazionali a settembre. Se a fine agosto diciamo che è tutta colpa della Uefa, allora io mi sento di prendere le difese dalla Uefa. Non possiamo sempre svegliarci all’ultimo momento.

Spadafora parla di Ronaldo

Juve, Spadafora: “Cristiano Ronaldo ha violato il protocollo”

Milan, Donnarumma

Milan, Donnarumma sente aria di derby: “Faremo una grande gara”