Atalanta, Umberto Marino: “Zeman chieda scusa a Bergamo”

Gian Piero Gasperini dopo la vittoria per 3-2 dell’Atalanta sul campo dell’Udinese, ha parlato così a Sky Sport:

Qualificazione in Champions? Ci sono ancora dieci partite, è troppo presto dire che è blindata ma vincere anche oggi ci dà indubbiamente un ulteriore vantaggio.

Embed from Getty Images

Un successo sofferto e maturato grazie alla doppietta di Muriel nella ripresa:

Luis è l’allegria in persona, tra me e lui è un prenderci in giro bonariamente continuo. Ha mostrato un’ottima condizione, con la Lazio sembrava morto ma credeva di aver fatto bene. Il giorno dopo gli ho detto di tutto.

Nonostante la sesta vittoria consecutiva, non è stato un pomeriggio facile per la Dea.

Le gare iniziano a pesare, con la Lazio abbiamo speso tanto a livello nervoso. C’era più fatica, abbiamo dovuto fare cinque cambi in anticipo. I ragazzi pero’ hanno sempre cercato di vincerla ed è un grande atteggiamento.

La risposta dell’Atalanta a Zeman

L’Atalanta si conferma una macchina di gol e trampolino di lancio per tanti giovani:

Qui trovano l’ambiente utile per avere serenità, arrivano con tanta voglia e disponibilità. Questa è la cosa più importante, poi la squadra aiuta molto ad esaltare le loro qualità. Molto si fa anche con questa, non basta solamente correre. L’aver realizzato tutte queste reti è la risposta migliore, ti permette di aver fiducia per ribaltare qualsiasi risultato.

Prima della sfida con l’Udinese, il direttore generale nerazzurro, Umberto Marino, ha replicato ai microfoni di Skysport alle dichiarazioni dei giorni scorsi dall’ex allenatore boemo Zdenek Zeman, che aveva avanzato dubbi sulla condizione atletica dell’Atalanta (“Corre ancora molto. Stranamente, visto che viene da Bergamo dove ci sono stati più problemi che altrove” aveva detto):

È molto triste sentire parole del genere e che ci siano persone che speculino sul dramma che ha vissuto Bergamo per farsi della pubblicità. Credo che un ex allenatore come Zeman abbia tutte le possibilità per documentarsi e vedere, sono i numeri che lo dicono, come la Lazio, oltre ad aver giocato una buona partita, ha corso più chilometri dell’Atalanta. Voglio evitare qualsiasi altro commento, credo solo che debba chiedere scusa. Non tanto all’Atalanta, ma alla città di Bergamo.

MotoGP, infortunio alla clavicola per Dovizioso: subito operato

Lazio, Inzaghi: “Il nostro Scudetto è la Champions League”