L’Atalanta può riaprire il discorso scudetto? La risposta ai bookmaker

I nove punti in più della Juve sull’Atalanta sono tanti, la distanza in classifica è netta. Eppure la sfida di sabato sera potrebbe dare nuova linfa vitale alla corsa scudetto, apparentemente già chiusa anche per i betting analyst.

Dopo nove vittorie consecutive in campionato e il momentaneo sorpasso sull’Inter al terzo posto, i bergamaschi si presentano allo Stadium per confermare la pressione sui ‘colleghi’ nerazzurri e sulla Lazio, ma anche per frenare la cavalcata bianconera e le quote 888sport.it non escludono sorprese.

Sarri e i suoi sono sì favoriti ma a un’offerta insolitamente sostanziosa, 2,10, contro il 3,40 di Gasperini a il 3,60 del pareggio. Nelle ultime due stagioni, in effetti, l’Atalanta ha dato più volte filo da torcere alla Juve: tra campionato e Coppa Italia i bergamaschi sono sempre andati a segno negli ultimi quattro scontri diretti, perdendo solo una volta.

Embed from Getty Images

Scudetto, c’è anche l’Atalanta di Gasperini?

Gli eccezionali numeri in attacco degli ospiti spingono sul tabellone l’Over 2,5, la scommessa su almeno tre reti complessive nell’incontro: un obiettivo dato a 1,61 contro il 2,30 dell’Under.

Entrambe le squadre hanno segnato la maggior parte dei loro gol nei secondi tempi (il 64% la Juve, il 60% l’Atalanta), una tendenza confermata dagli analisti, che danno a 1,80 la possibilità di almeno due reti nella seconda frazione di gioco; sul tabellone del risultato esatto a fine partita spicca tra i punteggi favoriti il 2-2, dato a 11 volte la posta.

È un azzardo, lo scudetto è nelle mani della Juve – ha risposto Giampiero Gasperini a Sky – Noi vogliamo la certezza di essere in zona Champions. Questo è il nostro primo grande obiettivo. Poi cercheremo di arrivare davanti all’Inter e alla Lazio. Il successo sulla Sampdoria messaggio alla Juve? No, a noi stessi. Sapevamo che con la Samp sarebbe stata una partita difficile stanno anche molto bene fisicamente. Noi siamo stati molto bravi, rischiavamo di giocarla con il fioretto ed invece ci siamo adattati al loro gioco e con forza e caparbietà l’abbiamo portata in porto. Sappiamo vincere in tanti modi.

Il Giappone, il Catania, i coleotteri: che fine ha fatto Morimoto?

Il Giappone, il Catania, i coleotteri: che fine ha fatto Morimoto?

Parma furioso con gli arbitri: “Non siamo gli scemi del villaggio”