Intervista Mihalovic

Bologna, Mihajlovic: “Contro la Juve giochiamo per vincere”

Il tecnico del Bologna Sinisa Mihajlovic ha presentato così la sfida di campionato di domani sera in casa contro i campioni d’Italia.

Noi giocheremo per vincere, non per non perdere. Affronteremo la Juve come le altre squadre. Loro al di là di tutto sono avvantaggiati, al di là della rosa che hanno, perché questa per loro è la terza partita e tra l’una e l’altra comunque hanno avuto tempo per recuperare. Noi come sempre giochiamo a casa nostra, anche se non ci sarà pubblico e penso che questo possa incidere tanto. Quel 15-20% (che manca, ndr) dobbiamo trovarlo dentro noi stessi per pareggiare i conti. Sarà una partita difficile per noi ma anche per loro.

Embed from Getty Images

Mihajlovic ha ricordato il suo solito spirito combattivo:

Sicuramente non partiamo battuti, ogni partita di calcio è una storia a sé. Abbiamo cercato di rinfrescare i nostri principi, ricominciando a rifare le cose che facevamo prima, facendo capire gli errori, dove migliorare e continuando a fare le cose che stiamo facendo bene. Abbiamo lavorato sulla mentalità, sulla testa e sulla motivazione che è la cosa fondamentale.

Bologna, Mihajlovic sfida la Juve

Questa ripartenza per Mihajlovic è una incognita:

Lo è per tutti, sono curioso di vedere come si esprimerà la mia squadra. Al di là di tutto sono convinto che daremo il massimo. Poi vedremo se basterà o no per giocare alla pari.

Il tecnico del Bologna ha parlato anche di Alex Zanardi, vittima di un incidente stradale in handbike nella giornata di venerdì.

Sono convinto e spero si risolva tutto per il meglio. Facciamo il tifo per lui. Con la sua voglia di vivere e di lottare e per la forza che ha trasmesso è un esempio per tutti. Se vinciamo gli dedichiamo la vittoria.

Mihajlovic ha ricordato in chiusura anche l’ex presidente Giuseppe Gazzoni Frascara scomparso il 24 aprile scorso.

Ibrahimovic Milan

Milan, Pioli: “Ibrahimovic sta meglio, ma non so quando tornerà”

Stadio Liverpool Anfield tifosi

Premier League: chi sono i proprietari dei club inglesi?