Bologna, Mihajlovic in conferenza stampa
Bologna, Mihajlovic in conferenza stampa

Bologna, Mihajlovic: “Questa stagione è stata un’agonia”

Sinisa Mihajlovic, allenatore del Bologna, alla vigilia della sfida con il Torino, valida per l’ultima giornata di campionato ha manifestato tutto il suo disappunto per le modalità con le quali si sta concludendo questo campionato:

Dobbiamo cercare almeno di vincere l’ultima partita. Non solo per me, per i miei ragazzi, ma anche per tutto il calcio italiano, non vediamo l’ora che questo campionato finisca. Questo non è calcio. Ma era unico modo per finire, sapevamo sarebbe stata un’agonia ma abbiamo scelto il male minore. Non cambia niente per la nostra classifica, però meglio finire con 49 punti piuttosto che con 46.

Embed from Getty Images

Il tecnico del Bologna ha già iniziato a pensare alla prossima stagione:

Anche la prossima stagione sarà lunga e pesante, avremo solo due settimane di riposo e partiremo subito. Anche la prossima sarà una stagione anomala. Ma dobbiamo adattarci.

Mihajlovic non vede l’ora che finisca stagione

Mihajlovic ha poi continuato

Cosa ho detto ai giocatori dopo Firenze? Niente, penso che alla fine il silenzio valga più delle parole. Se vogliono fare un’altra brutta figura, la facciano, non è un problema. Se sono ragazzi intelligenti, capiranno. Spero che domani faranno una buona gara, che possa portarci alla vittoria.

Sulla formazione anti-Toro, ha aggiunto:

Bisogna ancora vedere chi giocherà e chi non giocherà. Forse farò qualche cambio rispetto a Firenze.

Sui rapporti con il presidente granata Cairo, queste le parole di Mihajlovic:

Sono buoni, poi ci sono state delle incomprensioni e il rapporto si è un po’ incrinato e alla fine è successo quello che è successo. Poi con la mia malattia abbiamo fatto pace, lui si è dimostrato una persona che mi vuole bene e che ci tiene a me. Adesso sto scrivendo anche un libro con una sua casa editrice, perciò sono rimasto in ottimi rapporti, nonostante quello che è successo e come sono stato mandato via. Sono cose che succedono tra un allenatore e un presidente. Abbiamo chiarito.

Lars Ricken e la maledizione Champions League della Juventus

Lars Ricken e la maledizione Champions League della Juventus

Formula 1, gli highlights delle qualifiche a Silverstone

Formula 1, Silverstone: Hamilton ancora in pole position