Prandelli soddisfatto per la vittoria della Fiorentina
Prandelli soddisfatto per la vittoria della Fiorentina

Fiorentina, Prandelli: “Ottima risposta, adesso serve continuità”

Cesare Prandelli, allenatore della Fiorentina, ha parlato in conferenza stampa dopo il successo in casa del Benevento:

Adesso dobbiamo dare continuità, altrimenti tra 20 giorni siamo ancora invischiati. Lo siamo tutt’ora. Bisogna dare continuità alla prestazione ma anche all’atteggiamento, che ho visto molto propositivo.


Grande protagonista Vlahovic con una tripletta:

Segnare è qualcosa di straordinario per lui, è molto giovane. E’ stato straordinario anche Ribery in quella zona di campo, fantastico Eysseric ma tutti hanno dato il loro contributo, Caceres ha continuato a spronare i compagni. Lo spirito mi è piaciuto molto, di voler fare la partita e cercare di vincere. Lui è un ragazzo che lavora tanto, d’ora in poi sarà importante mantenere questo equilibrio, i comportamenti devono essere questi, le aspettative sono aumentate tanto.

Embed from Getty Images

Fiorentina, Prandelli: “Ottima risposta, adesso serve continuità”

Prandelli ha poi proseguito con l’analisi della partita:

Nella ripresa noi ci siamo abbassati troppo, non riuscivamo più a contrastare le loro iniziative, abbiamo sofferto. Molto spesso basta un episodio per far cambiare radicalmente la partita, sarebbe stato un harakiri clamoroso, determinato anche dal momento. Quando l’arbitro ha consultato il Var per il presunto rigore c’è stata un po’ di preoccupazione. Siamo stati fortunati che non era rigore.

Prandelli ha poi ha ammesso:

Sono stanco dentro. Ho accumulato tante tensioni. A me piace assumermi le responsabilità di tutto, ma certe volte è faticoso. Però il calcio è magico, basta vincere una partita, mi auguro che in 24 ore possa dimenticare tutto quello che abbiamo passato.

Roma in perdita

Roma, chiesto chiarimento alla Lega su rinvio Juventus-Napoli

Roma, tegola Mkhitaryan: ecco quanto resterà fuori l’armeno

Roma, tegola Mkhitaryan: ecco quanto resterà fuori l’armeno